Il centrodestra implode  

Scritto da il 19 aprile 2018

Il centrodestra implode

(Fotogramma)

Pubblicato il: 20/04/2018 21:08

Dopo il fallimento delle consultazioni dell’esploratrice Casellati, nel centrodestra è il caos. Volano gli stracci tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, che sono di nuovo ai ferri corti. Motivo dello scontro, ancora una volta, i veti di Luigi Di Maio su Forza Italia e – ecco la novità – Fratelli d’Italia, per la formazione di un governo giallo-verde. Sullo sfondo c’è l’eterna lotta sulla leadership e il futuro della coalizione. Oltre a vecchi rancori mai sopiti e reciproche diffidenze emerse con forza il 4 marzo.

”Gente come i Cinque stelle, voglio essere duro e volgare, li manderei a fare i fattorini e a pulire i cessi…”, sbotta il Cav, oggi in Molise per le regionali, che parla per la prima volta in pubblico di un governo con il ‘soccorso Dem’: ‘‘Vanno cercati i voti in Parlamento, anche di esponenti del Pd, un partito che, per responsabilità e democrazia, è anni luce davanti a M5S”. Parole che fanno andare su tutte le furie il segretario della Lega, sempre più stretto nella morsa M5S-Fi, ma determinato ad andare avanti per la sua strada, Colle permettendo, senza fare ”inciuci con la sinistra”.

”Il dramma è che – avverte Salvini a Milano per il Salone del Mobile – mentre io ho passato la mattinata a parlare di costruzione, leggo che gli altri, politicamente parlando, passano il tempo a insultarsi. Mi spiace se lo fanno i Cinque stelle, con cui ostinatamente e testardamente proverò fino in fondo a fare un governo”, ma “mi dispiace ancor di più se lo fa un alleato, che fino ad ieri mi chiede compattezza, coerenza, lealtà, e che oggi passa la giornata a ipotizzare governi con il Pd. Qui Silvio sbaglia“.

Il clima sull’asse Bellerio-Arcore, insomma, è sempre più infuocato. Molti scommettono su uno strappo dopo le regionali del Friuli Venezia Giulia, anche se i due leader stanno attenti a non ‘intestarsi’ l’eventuale rottura.

Salvini, però, non molla (”piuttosto che tirare a campare e riportare al governo il Pd bocciato dagli italiani, faccio tre passi avanti io”) e continua a dialogare con Di Maio: la sua appare una mission impossible, visto che al Colle, raccontano fonti parlamentari, nonostante il weekend di riflessione concesso da Sergio Mattarella, già si penserebbe all’ipotesi di affidare un mandato esplorativo al presidente della Camera, Roberto Fico, sulla falsariga dell’incarico alla Casellati, per verificare un’intesa M5S-Pd o strade diverse.

Da Udine fa sentire la sua voce anche Giorgia Meloni, presidente di Fdi, che si schiera con Salvini nel respingere inciuci con i Dem: ”Credo che Berlusconi debba mettersi l’anima in pace: non ci saranno mai i nostri voti per un accordo con il Pd. Non siamo d’accordo. E così come Fratelli d’Italia ha finora lavorato per la compattezza della coalizione, ci aspettiamo da Berlusconi la stessa cosa”.

Nei vertici del M5S c’è attesa per le prossime mosse del leader della Lega. Quel che filtra dai vertici è che la sentenza di oggi della Corte di Assise di Palermo sulla trattativa Stato-mafia obbliga Salvini a prendere una decisione. “La sentenza sulla trattativa Stato-mafia cade come un macigno su un sistema di potere che tenta ancora di avvinghiare il Paese nei suoi tentacoli. Dell’Utri fece da tramite tra Cosa nostra e Berlusconi: politicamente è una pietra tombale sull’ex Cavaliere. Ora Salvini decida” scrive in un tweet Riccardo Fraccaro, questore anziano della Camera in quota M5S e fedelissimo di Di Maio.

Più tardi, nel comizio a Campobasso per le elezioni molisane, lo stesso Di Maio rincara: “Con quale faccia venivo in questa piazza dicendo che ho fatto l’accordo con Silvio Berlusconi dopo tutto quello che è successo a Palermo, che ha sancito che lo Stato ha trattato con la mafia nei giorni in cui si uccidevano Falcone e Borsellino. Come potevo venire qui a dirvi che siamo quelli di prima? Dobbiamo mantenere la nostra linea e la nostra coerenza”.

Berlusconi da parte sua, al termine di una giornata sull’ottovolante segnata dal nuovo scontro con il Carroccio, tiene il punto sul no a una trattativa con i Cinque stelle e lancia un avvertimento preciso a Salvini che, invece, riferiscono fonti azzurre, pensa di “continuare a cercare l’intesa con Luigi Di Maio senza rompere con Fi pur di approdare a palazzo Chigi”. Il Cav avrebbe deciso di mettere i puntini sulle ‘i’ e chiarire una volta per tutte che lui non ci sta proprio al ‘doppio gioco’ dell’alleato. Della serie: Matteo ci dica cosa vuol fare, stare con noi o con i signori Cinque stelle?

In attesa del Colle, che dovrebbe dire la sua dopo un lungo weekend di riflessione, l’ex premier ci tiene a vestire i panni del ‘responsabile’ e a ribadire quanto detto sin dall’inizio: ”La nostra volontà è quella di un governo del centrodestra unito, guidato da un premier indicato dalla Lega, in grado di rispondere alle emergenze del nostro paese e di ottenere in Parlamento la convergenza di una maggioranza sul nostro comune programma”, avverte il leader azzurro.

Il presidente di Fi spiega che ieri, in un primo momento, spinto da Salvini, aveva pensato di concedere un’apertura di credito ai Cinque stelle (”Ho cercato di dare seguito a quello che nel centrodestra chiedeva la Lega”), ma poi, dopo l’ulteriore schiaffo di Di Maio, si è definitivamente convinto che M5S è “un pericolo per l’Italia e va assolutamente evitata una loro presa di potere”. Da qui la chiusura totale a qualsiasi appeasement con i pentastellati, anche per interposta persona.

“Per senso di responsabilità – mette nero su bianco Berlusconi in una lunga dichiarazione diffusa alla stampa alla fine del tour elettorale in Molise – avevamo anche accettato, per riuscire a dare un governo al Paese, una ipotesi di governo con i grillini che ci preoccupava molto, ma il comportamento dei Cinque stelle ci ha definitivamente convinto non essere auspicabile e possibile”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background