Lo strappo di Matteo: “Avanti senza Silvio”  

Scritto da il 20 aprile 2018

Lo strappo di Matteo: Avanti senza Silvio

(foto AdnKronos)

Pubblicato il: 21/04/2018 11:52

Una trattativa in corso con il M5S, senza il Cavaliere. Mentre si consuma il divorzio in casa centrodestra, è questo – secondo Repubblica – quanto sta accadendo fra Salvini e Di Maio, in vista della formazione di un nuovo esecutivo che ormai sembra lasciarsi alle spalle Forza Italia. “Io sono pronto ad andare avanti, anche da solo”, riporta il quotidiano con un virgolettato del leader leghista, ora impegnato in un accordo finale con il leader del Movimento che “sembra quasi cosa fatta”.

Quasi, perché Salvini ancora non si decide a sciogliere la riserva nonostante la chiusura definitiva a Berlusconi, arrivata via social ieri sera, su una possibile alleanza del centrodestra unito con il Pd per un governo di tutti, scelta obbligata per il Quirinale se anche i prossimi colloqui si risolvessero in un nulla di fatto. Un “governicchio”, lo bolla Salvini, che sembra essere inviso anche a Di Maio. Un altro punto in comune fra i due leader, insomma. E a Montecitorio, spiega ancora Repubblica, in piene manovre per arrivare a un accordo “c’è chi giura di aver visto Di Maio e Toninelli entrare giovedì pomeriggio negli uffici della Lega dove si trovavano Salvini e Giorgetti, nel pieno delle delle consultazioni”.

Eppure l’asse grillo-leghista, sottolinea il quotidiano, fa fatica a decollare. Tanto da innervosire l’ex vicepresidente della Camera che ha lanciato l’ultimatum sulle 48 ore di tempo massimo concesse a Salvini per decidersi sul da farsi. Scadenza che potrebbe prolungarsi se dovesse entrare in campo l’esploratore Roberto Fico, aiutando l’intesa fra i due partiti. Il cruccio del leghista? Non passare per traditore e autore dello strappo con l’ex Cav. Una preoccupazione, dice il giornale fondato da Scalfari, condivisa con tutto lo stato maggiore del partito e con Di Maio. La mossa di Matteo a questo punto? Costringere Berlusconi a consumare lo strappo e rompere, di sua volontà, l’unità del centrodestra finora difesa con le unghie e con i denti.

La strategia per ora sembrerebbe funzionare, tanto che ieri sera Berlusconi ha messo definitivamente una croce sui pentastellati “pericolo per l’Italia” che ora deve scongiurare “una loro presa di potere”. Una mossa che pagherebbe non solo politicamente, ma anche in termini di consenso: in venti giorni di trattative, secondo il sondaggio Ipsos pubblicato dal Corsera, Salvini sarebbe ad oggi il leader più popolare, mentre sarebbe addirittura in calo di 6 punti il gradimento per l’operato del Movimento finora.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background