Palma di Maiorca si ribella: “Basta turisti”  

Scritto da il 23 aprile 2018

Palma di Maiorca si ribella: Basta turisti

(Fotogramma)

Pubblicato il: 24/04/2018 16:45

I residenti di Palma di Maiorca ne hanno abbastanza del turismo di massa che ogni anno arricchisce la loro città e la loro isola, ma provoca disagi evidentemente non più tollerabili. E’ così che le autorità cittadine hanno deciso che a partire da luglio sarà vietato affittare appartamenti e stanze ai turisti senza un’adeguata licenza, una pratica aumentata vertiginosamente negli ultimi anni grazie a siti specializzati e app.

Il provvedimento non piace però alle associazioni delle piccole e medie imprese, che lamentano l’impatto economico che questo avrà su molte famiglie. L’amministrazione di Palma, guidata da una coalizione di centro-sinistra, ha citato un rapporto in base al quale l’offerta di appartamenti ai turisti è aumentata del 50% tra il 2015 e il 2017.

Secondo quanto scrive El Pais, solamente 645 degli oltre 11mila alloggi offerti ai turisti che soggiornano a Palma dispone della necessaria licenza. A questo, si aggiunge il risentimento degli abitanti della capitale di Maiorca, che denunciano un aumento del 40% dei prezzi e degli affitti dovuto al turismo, oltre alla difficile convivenza con i vacanzieri che affollano la città.

Il provvedimento è stato preso “nell’interesse generale”, la nostra è una città “determinata e coraggiosa”, ha detto il sindaco di Palma, Antoni Noguera, convinto che la sua decisione aprirà la strada ad altre città soffocate dal turismo.

Già lo scorso anno, al pari di Barcellona, Palma aveva imposto il divieto di pubblicizzare l’offerta di appartamenti senza licenza, prevedendo multe salate per i proprietari e i siti che infrangevano il divieto. La Spagna l’anno scorso ha stabilito il nuovo record di presenze, con 82 milioni di visitatori. Mete preferite sono state la Catalogna e le Baleari, con Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera le isole più frequentate.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background