Calenda: “Distanza siderale tra Pd e M5S”  

Scritto da il 25 aprile 2018

Calenda: Distanza siderale tra Pd e M5S

(Fotogramma)

Pubblicato il: 26/04/2018 08:43

“Se il Partito democratico facesse un’alleanza con il M5S farebbe malissimo. Tra noi e il M5S c’è una distanza siderale, bisogna avere un minimo comune denominatore“. Lo afferma il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda a Circo Massimo, su Radio Capital, ribadendo di essere pronto a lasciare il Pd in caso di intesa con i grillini. Per Calenda serve un “esecutivo di transizione che metta le cose a posto”, ma Martina “sta facendo comunque bene a sedersi al tavolo, perché politica vuol dire anche ascolto”.

Dello stesso parere Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei che commenta in una intervista al Corriere della Sera l’offerta di governo di Di Maio: “Io sono per rispondere no all’offerta di Di Maio. Quello che c’è sul tavolo sia più che sufficiente per rispondere. Sia chiaro, i dieci punti dei Cinque Stelle saranno anche di buon senso. Ma loro sono per abolire il Jobs act? Bene, noi no. Loro sono per l’abolizione della riforma Fornero? Noi no”.

“Governare vuol dire risolvere gli imprevisti che si palesano sul tuo cammino quando meno te l’aspetti – prosegue – Se ci fosse una crisi europea, di quelle che ora non si possono mettere in conto, che cosa facciamo? Chiediamo aiuto alla piattaforma Rousseau? Suvvia, non si può fare”. Per Gozi, inoltre, “sull’offerta di Di Maio forse Martina ha accelerato troppo. Ha fatto una fuga in avanti, si è sbilanciato. Proprio per questo è necessaria una verifica in Direzione nazionale che faccia chiarezza, una volta per tutte, sulla posizione ufficiale del Partito democratico”.

Martina, a detta di Gozi, “non è stato garante della posizione di tutti proprio perché, e lo si è capito molto bene dalla sua dichiarazione all’uscita dall’incontro con Roberto Fico, ha preso una posizione netta a favore del possibile accordo con i Cinque Stelle. Non è stato una figura super partes ma ha preso una strada ben precisa, diventando una delle parti in causa. Insieme a molti dei ministri uscenti”.

“Alle condizioni di oggi, non credo proprio che in Direzione ci saranno i numeri a favore di un governo coi Cinque Stelle”, per il sottosegretario infatti “è sotto gli occhi di tutti che, in questo momento, nel Pd esiste una linea degli ex ministri e una linea dei renziani. Ci si conterà nella direzione, si farà questa verifica e tutti i dubbi, a quel punto, saranno fugati”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background