La sorella di Kim unica donna al summit  

Scritto da il 26 aprile 2018

La sorella di Kim unica donna al summit

(Kim Jong Un insieme alla sorella Kim Yo Jong al summit di Panmunjon/foto Afp)

Pubblicato il: 27/04/2018 19:35

Protagonista del disgelo fra le due Coree in occasione delle Olimpiadi, la sorella minore del leader nordcoreano Kim Jong Un, Kim Yo Jong, è stata oggi l’unica donna a partecipare allo storico summit di Panmunjon. Kim Yo Jong sedeva accanto al fratello, prendendo diligentemente nota di quanto veniva detto e non sembra essere intervenuta nei colloqui. Tuttavia la sua presenza al tavolo del vertice, dove erano presenti solo sei persone, appare un’altra prova dell’importanza del suo ruolo, riferisce la Cnn.

Del resto è stata questa giovane 30enne la prima esponente del governo nordcoreano a recarsi in Corea del Sud dopo l’armistizio del 1953. La sua visita del 9-10 febbraio, in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang, ha segnato l’avvio del disgelo. In quell’occasione Kim Yo Jong aveva consegnato al presidente sudcoreano Moon Jae in una lettera personale del fratello. L’aspetto giovane e grazioso ha sicuramente aiutato la sua missione, ma la sorella minore del presidente nordcoreano non va sottovalutata.

IL PROFILO – Kim Yo Jong “è probabilmente una delle persone che esercitano maggiore influenza su Kim Jong un, perché lui ha poche persone di cui si può veramente fidare”, spiega Balbina Hwang, professore della Georgetown university e fondatrice del National Committee on North Korea. Nata nel 1987, la giovane donna è ritenuta la più piccola dei figli del defunto dittatore nordcoreano Kim Jong Il, avuti da tre diverse compagne. Kim Yo Jong ha studiato in un collegio in Svizzera come il fratello presidente, con cui condivide la stessa madre. Al suo ritorno in patria, il padre le aveva affidato posizioni di responsabilità, con l’incarico di ispezionare in anticipo i siti delle visite ufficiali, racconta Michael Madden, autore del blog North Korea Leadership Watch.

VITA PRIVATA – Come per altri esponenti della famiglia Kim, si sa ben poco della vita privata della giovane donna. Secondo informazioni non confermate è sposata dal 2015 con Choe Song, figlio del potente vice presidente del Partito dei lavoratori Choe Ryong-hae, con il quale ha avuto un figlio nel maggio dello stesso anno. Quando è venuta alle Olimpiadi, alcuni media avevano riportato la voce che fosse incinta.

IL RUOLO – Con l’avvento del fratello al potere, afferma Madden, Kim Yo Jong ha assunto un ruolo paragonabile a quello di “capo dello staff della Casa Bianca”. Segue l’agenda politica, ascolta i briefing dei servizi, e gestisce gli eventi pubblici, occupandosi degli itinerari e delle necessità logistiche. Vicedirettore del’ufficio propaganda dal 2014, membro supplente del potente Politburo del partito comunista dall’anno scorso, Kim Yo Yong è fra i 20 funzionari di più alto rango del regime. Per raggiungere il fratello, ritengono molti analisti, bisogna passare attraverso di lei. Secondo un think tank di Seul guidato da disertori nordcoreani, avrebbe addirittura assunto la guida del paese ad interim quando Kim Jong un si ammalò di diabete alla fine del 2014.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background