Di Maio: “Ecco i punti in comune col Pd”  

Scritto da il 28 aprile 2018

Di Maio: Ecco i punti in comune col Pd

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 29/04/2018 09:11

Lavoro, tasse, sanità, vitalizi, immigrazione e altro ancora. Sono tanti i punti in comune tra M5S e Pd secondo Luigi Di Maio che questa mattina, attraverso una lettera pubblicata sul ‘Corriere della sera’, lancia un vero e proprio appello ai dem in vista di un governo insieme.

“In comune c’è la revisione del Regolamento di Dublino e l’equa ripartizione dei migranti tra tutti i Paesi dell’Unione europea”, sottolinea Di Maio mettendo a confronto i programmi che, scrive, “per noi valgono nel momento in cui si dimostra di volerli realizzare”.

Il capo politico dei 5 Stelle parla sempre di un contratto, che “servirà a mettere nero su bianco le azioni immediate per migliorare la qualità della vita degli italiani”, e ribadisce quindi che “non si tratta di alleanze”.

“Sul lavoro si può partire dal salario minimo orario, obiettivo condiviso anche dal Pd, stando al loro programma”, scrive ancora Di Maio ricordando come sul “capitolo tasse” il “fine è lo stesso, un’intesa si può trovare”. Quanto alla “sanità pubblica. A quanto risulta dal programma, il Pd scrive nero su bianco di voler ridurre le ormai lunghissime liste di attesa. Siamo d’accordo”.

“In tema di giustizia, entrambi vogliamo semplificare e ridurre i tempi dei processi attraverso l’applicazione del rito del lavoro e investendo nella digitalizzazione anche in ambito penale. Facciamolo!”, continua Di Maio che annovera tra i punti in comune anche la riforma del sistema penitenziario, “l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per i condannati in via definitiva e una modifica sostanziale della prescrizione. Un capitolo a parte riguarda la legge sul conflitto di interessi che il Paese aspetta da troppi anni. Infine i costi della politica e l’efficienza della Pubblica amministrazione”.

“I tagli agli sprechi sono un nostro storico cavallo di battaglia, e il programma del Pd prevede il ricalcolo dei vitalizi col metodo contributivo”, sottolinea il capo politico dei 5 Stelle che conclude: “Questa è la strada che stiamo seguendo e gli obbiettivi che vogliamo raggiungere. Se si può fare qualcosa di buono per l’Italia e mettere finalmente i cittadini al primo posto, noi ci siamo, perché il MoVimento 5 Stelle è nato per fare gli interessi degli italiani, oltre gli steccati ideologici e oltre le vecchie logiche di potere”.


Continua a leggere

Articolo Precedente

Quota 100 da febbraio  


Thumbnail

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background