Di Maio a Salvini: “Chiediamo il voto a giugno”  

Scritto da il 29 aprile 2018

Di Maio a Salvini: Chiediamo il voto a giugno

(Fotogramma)

Pubblicato il: 30/04/2018 13:35

Luigi Di Maio attacca i partiti e chiede elezioni anticipate. “E’ vergognosa la maniera in cui tutti i partiti stanno pensando ognuno al proprio orticello e ai propri interessi di parte. Non sono venuti neanche al tavolo per confrontarsi sui temi. Hanno pensato – scrive su Facebook – solo alle loro poltrone”. Il leader dei 5 Stelle lancia quindi una sfida a Matteo Salvini: “Bisogna tornare al voto il prima possibile. Tutti parlano di inserire un ballottaggio nella legge elettorale, ma il ballottaggio sono le prossime elezioni. Quindi dico a Salvini, adesso chiediamo insieme di andare a votare, e facciamolo finalmente questo secondo turno a giugno“.

E’ una cosa per me incomprensibile – aggiunge – mantenere una coalizione divisa su tutto, che è palesemente stata costruita per arraffare posti in Parlamento piuttosto che costruire qualcosa di buono per l’Italia”, ha rimarcato il leader grillino. “A questo punto – aggiunge – per me non c’è altra soluzione. Bisogna tornare al voto il prima possibile. Poi ovviamente deciderà il Presidente Mattarella”.

Di Maio non risparmia però attacchi al leader leghista, colpevole di aver preferito Berlusconi all’alleanza con i Cinquestelle. Per il pentastellato, Matteo Salvini “ha preferito gli interessi di un condannato incandidabile a quelli degli italiani. Io gli ho parlato in maniera sincera, a cuore aperto. Gli ho detto ‘sediamoci e troviamo una quadra, mettiamo nel contratto tutti i punti in comune del nostro programma e facciamo partire un governo che possa cambiare il Paese’. Niente. Lui ha scelto Berlusconi”, il quale “ha bloccato il Paese per 20 anni per i suoi interessi personali”.

Poi l’attacco a Renzi: “Dall’altra parte avevamo il Pd, un partito che ha preso una clamorosa batosta alle elezioni precipitando al suo minimo storico e che qualcosa sembrava stesse iniziando a capirlo, infatti aveva messo da parte Renzi relegandolo a senatore semplice. Ma ieri sera lo abbiamo visto addirittura riproporre una riforma costituzionale dopo che gli italiani gliene hanno già bocciata una un anno fa”.

“Dopo il 4 marzo, con la mazzata presa, sembrava iniziasse a capire i suoi errori… sembrava. Ieri – insiste Di Maio parlando di Renzi – è andato da Fazio in tv e anziché chiedere umilmente scusa per i danni fatti dal suo governo ha attaccato me e il M5S chiudendo a qualsiasi ipotesi di contratto e difendendo ancora una volta il suo governo”.

“Per lui un padre di famiglia che perde il lavoro va lasciato solo dallo Stato, senza alcun reddito… A tutti può capitare di perdere il lavoro, specialmente dopo il Jobs Act. Un Jobs Act che si ostina a difendere”, incalza il leader del M5S criticando uno dei principali provvedimenti varati dal governo Renzi.

“Oggi è il 30 aprile e sono passati quasi 2 mesi dal giorno delle elezioni. Il M5S in modo serio, coerente e ripetendo lo stesso concetto dal primo giorno si è impegnato totalmente per rispettare il voto dei cittadini e dare un governo di cambiamento a questo Paese. Questa è una legge elettorale assurda, voluta dal Pd e dal centrodestra che permette anche a forze che perdono le elezioni, come Fi, di rivendicare una pseudo-vittoria in nome di una coalizione di comodo”, accusa ancora.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background