“Ci fu un fascismo buono”, il post dell’assessora lombarda  

Scritto da il 2 maggio 2018

Ci fu un fascismo buono, il post dell'assessora lombarda

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 03/05/2018 13:30

Le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio TUTTE dal fascismo“. Fa discutere il post di Lara Magoni, assessora al Turismo-Marketing Territoriale-Moda e design della Lombardia (in quota Fratelli d’Italia). “Rinnegare ciò che di buono è stato fatto è un grande errore”, scrive ancora e aggiunge: “Tutti condanniamo l’eccidio del quale sono stati tutti coinvolti e per il quale c’è da vergognarsi ma ora basta combattere i fantasmi…dopo settant’anni Visto e considerato che questi benefit piacciono a tutti…”.

Nata ad Alzano Lombardo (Bergamo), ex campionessa e Nazionale di sci, la Magoni ha partecipato a cinque mondiali e a tre Olimpiadi. A corredo del suo post un telegramma del primo maggio 1937 firmato da Benito Mussolini e indirizzato al prefetto di Torino con il quale il Duce ordina al senatore Agnelli di dotare la Fiat di “comodi e decorosi refettori per gli operai (i benefit, ndr) perché l’uomo non è una macchina adibita a un’altra macchina”.

La Magoni era già stata eletta In Consiglio regionale nel 2013, come vice presidente della IV Commissione permanente – Attività produttive e occupazione. “Risparmiatemi Bella Ciao”, aveva scritto sempre su Facebook in occasione del 25 aprile.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background