Ue: “Crescita Italia a rischio per incertezza politica”  

Scritto da il 2 maggio 2018

Ue: Crescita Italia a rischio per incertezza politica

(Fotogramma)

Pubblicato il: 03/05/2018 12:17

La Commissione europea conferma le stime di crescita per l’Italia, ma vede un rallentamento alle porte. Dopo “l’accelerazione” della crescita nel 2017, l’economia italiana “continuerà a crescere allo stesso passo dell’1,5% quest’anno”. Ma con i “venti di coda in calo e l’output gap che si chiude, la crescita del pil verrà moderata a 1,2% nel 2019“. Lo scrive la Commissione Ue nelle stime economiche di primavera.

Secondo le stime della Commissione Europea, il Pil dell’Eurozona, e quello dell’Ue, dovrebbe crescere del 2,3% nel 2018, per rallentare al +2% nel 2019, dopo una crescita del 2,4% nel 2017. Dovrebbe restare debole invece, sotto il target della Bce (vicino ma inferiore al 2%) l’inflazione (indice dei prezzi al consumo): nell’Eurozona nel 2018 è prevista all’1,5%, come nel 2017, per salire all’1,6% nel 2019, malgrado “stiano aumentando le pressioni sui prezzi per effetto di mercati del lavoro” con meno disoccupati di prima e “di una crescita dei salari più rapida in molti Stati membri”.

MONITO ALL’ITALIA – L'”incertezza politica”, se prolungata ulteriormente, rischia di mettere a repentaglio la crescita economica dell’Italia, proprio ora che la ripresa potrebbe rivelarsi più robusta del previsto. E’ l’avvertimento rivolto all’Italia della Commissione Europea, secondo cui i rischi per le prospettive di crescita” del Paese “sono diventati più orientati verso il basso. L’incertezza politica – scrivono gli economisti dell’esecutivo Ue – è diventata più pronunciata e, se prolungata, potrebbe rendere i mercati più volatili ed influenzare negativamente il sentiment economico e i premi al rischio (cioè i rendimenti delle obbligazioni, in primis dei titoli di Stato, ndr)”. D’altra parte, aggiungono, “la ripresa trainata dagli investimenti potrebbe spingere la produttività, e in ultima analisi la crescita del Pil, più di quanto previsto”.

RISCHI GLOBALI – L’orizzonte economico globale – sostiene la Commissione Europea – si fa più carico di rischi, non pochi dei quali arrivano dagli Usa, e, se dovessero materializzarsi, colpirebbero l’Eurozona, che è “particolarmente vulnerabile”, a causa della sua “apertura”. “Complessivamente – si legge – i rischi per le previsioni sono cresciuti, orientandosi al ribasso. In Europa, gli ultimi dati hanno ridotto la probabilità che la crescita possa rivelarsi più forte del previsto nel breve periodo”. Tra i rischi esterni “la volatilità dei mercati finanziari negli ultimi mesi diverrà probabilmente un fattore più permanente in futuro, cosa che aumenterà l’incertezza. Gli stimoli di bilancio prociclici negli Usa dovrebbero spingere la crescita nel breve termine, ma si prevede che aumentino i rischi di un surriscaldamento dell’economia e la possibilità che i tassi di interesse Usa crescano più velocemente di quanto previsto”. Inoltre “un’escalation di protezionismo commerciale pone un rischio inequivocabilmente negativo per le prospettive dell’economia globale. Questi rischi sono interconnessi: a causa della sua apertura, l’Eurozona sarebbe particolarmente vulnerabile ad una loro materializzazione”.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background