Pd, è scontro sui 5S   

Scritto da il 3 maggio 2018

Pd, è scontro sui 5S

(Fotogramma)

Pubblicato il: 04/05/2018 21:29

“Quello della Direzione nazionale è stato un momento molto importante per noi, una discussione utile. Ne usciamo sicuramente più forti, più uniti, più consapevoli del ruolo che possiamo avere soprattutto nei prossimi giorni e in prospettiva per il Paese”. Ad assicurarlo è il reggente Pd, Maurizio Martina, al Tg1.

La giornata di oggi però ha visto un nuovo scontro nel Pd sul M5S. “Per due mesi hanno fatto i bravi, ‘gli istituzionali’. Oggi capiscono finalmente di non avere i numeri per palazzo Chigi e quindi sbroccano – ha scritto Matteo Renzi sulla sua pagina Facebook – Beppe Grillo addirittura torna a proporre referendum sull’Euro e accusa gli altri partiti di colpo di Stato per la legge elettorale, dimenticando che grazie al Rosatellum i Cinque stelle hanno preso il 36% dei seggi, nonostante si siano fermati al 32% dei voti”.

“Contrordine dal blog: il Pd torna a essere un partito di delinquenti, non più il compagno di strada verso il governo. Sui social tornano gli insulti, le campagne di odio condotte dai finti profili, il giustizialismo – ha aggiunto l’ex segretario dem – Quando vedo certe capriole, sono orgoglioso di aver contribuito – insieme a tanti altri militanti – a evitare l’accordo tra il Pd e i Cinque Stelle. Lo ripeto: sono orgoglioso”.

Penso che la riflessione di Renzi sia superficiale e sbagliata” ha commentato Dario Franceschini. “Proprio il fatto che Grillo e 5 Stelle tornino, fallita una prospettiva di governo e avvicinandosi le elezioni, ai toni populisti e estremisti, dimostra che avremmo dovuto accettare la sfida di un dialogo proprio per portarli a rapportarsi con la realtà di una azione di governo reale che non si affronta con grida e slogan – ha spiegato il ministro dei Beni Culturali – Come evolve un movimento che raccoglie il consenso di un terzo degli italiani riguarda anche il Pd e tutto il Paese ed è miope pensare sia un vantaggio che regredisca a posizioni populiste”.

Per Francesco Boccia, deputato Pd, la dichiarazione di Renzi su Facebook “non è una dichiarazione corretta, è l’ennesimo messaggio improvvido, l’ennesima mancanza e caduta di stile, così si sta intestando la rottura non di un dialogo ma della possibilità che ci si sedesse al tavolo col M5S. E’ un errore politico”.

“Il limite di Renzi è che continua a far politica guardando al passato, è sempre rancoroso, arrabbiato con qualcuno, continua a dire che gli italiani il 4 dicembre e il 4 marzo hanno sbagliato, non hanno capito. Ma se non hanno capito, un motivo ci sarà. Grazie a questa sua illuminante strategia – ha continuato Boccia ai microfoni di ‘Un Giorno da Pecora’, su Rai Radio1 – si torna dritto dritto al voto. Se Renzi vuole andare al voto, lo dica agli italiani. Se si torna dritto al voto con la legge che abbiamo voluto, il destino mi sembra segnato”. E ora cosa succederà coi 5S? “Se si riapre il forno col M5S, Martina ha mandato pieno al confronto”. Quindi lei si augura ancora che ci sia una trattativa con M5S? “Io mi auguro ancora che ci sia”, ha concluso Boccia.

A intervenire è stato anche Cesare Damiano. “Renzi è ‘orgoglioso di aver contribuito a evitare l’accordo tra il Pd e i Cinque Stelle’. Se lo dice lui… Forse gli è sfuggito qualche particolare: il primo è che la proposta di avviare il dialogo tra Pd e Movimento 5 Stelle non è arrivata da Martina o dalla minoranza del partito, ma dal Presidente della Repubblica, dopo il fallimento del primo giro di consultazioni tra il centrodestra e i pentastellati. Quindi Renzi è ‘orgoglioso’ di aver ostacolato il positivo lavoro svolto dal Colle. Davvero una bella soddisfazione” ha dichiarato Damiano.

“La nostra solidarietà, invece – ha continuato – va tutta a Mattarella per lo sforzo che sta producendo e soprattutto per la pazienza che sta dimostrando. Il secondo particolare che sfugge a Renzi è che avviare un dialogo, sedendosi a un tavolo, non significa aver fatto un accordo o pensare di poterlo fare. Non mi sfuggono le distanze di contenuto che esistono tra i due partiti, difficilmente conciliabili. Più semplicemente, accettando il dialogo oppure no, si tratta di decidere se il Pd vuole diventare politicamente irrilevante o avere un ruolo attivo anche in questa difficile fase politica”.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background