Da Insinna a Proietti, la stagione della Sala Umberto  

Scritto da il 7 maggio 2018

Da Insinna a Proietti, la stagione della Sala Umberto

Enzo Iacchetti tra i protagonisti, con lo spettacolo ‘Libera Nos Domine’, della nuova stagione della Sala Umberto

Pubblicato il: 08/05/2018 15:11

Flavio Insinna e Gigi Proietti, Enzo Iacchetti e Valentina Lodovini, Francesca Reggiani e Riccardo Rossi sono alcuni dei protagonisti della della nuova stagione teatrale della Sala Umberto, giunta alla XVII edizione, che apre il 25 settembre con lo spettacolo ‘Non si uccidono così anche i cavalli?’ , liberamente tratto dall’omonino film di McCoy premiato con un Oscar nel 1970 al miglior attore non protagonista (Gig Young). Si sfideranno sul palco dello storico teatro romano 16 attori -danzatori guidati dalla regia e la coreografia di Manuel Micheli.

Paolo Rossi e Lucia Vasini saranno i protagonisti del ‘Re anarchico e i fuorilegge di Versailles’ (16 ottobre), mentre ritorna a gran richiesta ‘La bastarda di Istambul’ di Serra Yilmaz con 7 straordinari attori diretti da Angelo Savelli (31) accanto alla messa in scena de ‘La Classe’, scritto da Vincenzo Manna, primo progetto di drammatizzazione di una banca dati con Claudio Casadio e Brenno Placido (13 novembre).

Ed ancora in cartellone ‘Cose Cosi’, scritto e diretto da Giacomo Ciarrapico, (27 novembre), Tutta casa, letto e chiesa’ di Valentina Lodovini (11 dicembre), Flavio Insinna e la sua Piccola Orchestra debuttano con ‘La macchina della felicità’ (21 dicembre), mentre Francesca Reggiani sarà ‘D.O.C. Donne d’origine controllata’ (8 gennaio).

Tra gli altri protagonisti della prossima stagione della Sala Umberto, Carlo Buccirosso (15 gennaio), Riccardo Rossi con la sua Trilogia comprendente ‘L’amore è un gambero’, ‘That’s Life’, ‘Viva le donne’ (5 febbraio), l’eterno Oscar Wilde con ‘L’importanza di chiamarsi Ernesto’, diretto in tandem da Ferdinando Bruni e Francesco Frongia (19 febbraio), Enzo Iacchetti con la pièce in musica ‘Libera Nos Domine’ (5 marzo).

In cartellone ancora ‘La scuola delle scimmie’, scritto e diretto da Bruno Fornasari (19 marzo), ‘Hotel Paradiso’, un noir ambientato tra le valli delle Alpi, diretto da Michael Vogel (2 aprile), ‘Manuale di volo’ con Simone Cristicchi, per la regia di Antonio Calenda (9), una nuova versione di Romeo e Giulietta di Shakespeare, ‘Romeo l’ultrà e Giulietta l’irridicibile’, da un’idea di Gianni Clementi (26), ‘Millevoci Tonight Show’ con Francesco Cicchella, nella messa in scena firmata per l’occasione da Gigi Proietti.

Spettacoli in quota rosa con ‘Eistein & Me’. La storia che ha rivoluzionato la fisica’ con Gabriella Greison (24 settembre), monologo che racconta la vita di Albert Einstein, ma dal punto di vista di sua moglie, Mileva Maric, anche lei fisica, ‘Cinque donen del sud’ con Beatrice Fazi (17 dicember9 accanto a Barbara Foria (21 maggio).

Tra le alter iniziative della Sala Umberto, ‘Thats’ Cinema’, rassegna a cura di Gabriele Guidi, dedicata ai grandi registi italiani di cinema. ”La notizia di questo anno – ha annunciato il direttore artistico della Sala Umberto, Alessandro Longobardi- è la nascita del Centro di produzione non riconosciuto ma esistente, costituito da questa sala e dal nuovo Spazio Diamante che a breve presenterà la sua seconda stagione.

”Situato in via Prenestina, adiacente all’area del Pigneto, ha riscosso consensi sul territorio e si avvia a presentare la II edizione del Festival InDivenire aperto a tutte le giovani compagnie. Il centro e la periferia si alleano e provano a generare insieme nuove energie, duqnue – ha aggiunto – La stagione di Teatro Ragazzi conferma poi la sua eccellenza. I corsi di teatro aumentano i loro iscritti confermando la qualità del metodo e dei docenti, progetto di alternanza scuola lavoro verrà riproposto e la collaborazione con il Miur si consoliderà ulteriormente”.

Anche l’iniziativa degli incontri pomeridiani tra il pubblico e le Compagnie pare essere apprezzata e verrà riproposta – ha proseguito Longobardi – L’Accademia professionale ‘Stap Brancaccio’, diretta saldamente da Lorenzo Gioielli giunge al suo quinto anno in ottima forma. Se non fosse per il consueto squilibrio finanziario e per la mancanza di margine sulle attività non potremmo che essere soddisfatti della nostra azione culturale sul territorio. Della cura delle Istituzioni – ha confessato – in particolare del Mibact nei nostri confronti non dirò nulla, siamo sostanzialmente invisibili a certi occhi. Andiamo avanti.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background