Lega-M5S, verso nome terzo per premier  

Scritto da il 9 maggio 2018

Lega-M5S, verso nome terzo per premier

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 10/05/2018 20:58

Quello che guiderà il governo sarà “un premier terzo, ne’ M5S né della Lega”. Così Alfonso Bonafede (M5S) a ‘Piazza Pulita’ su La7. Quanto all’ipotesi Di Maio ministro degli Esteri, “sono solo voci”, “oggi per la prima volta si parla dei temi dei cittadini” e non delle poltrone, ha aggiunto, “è la Terza Repubblica”.

“Questo primo confronto” con la Lega “è andato molto bene perché abbiamo visto che sui vari punti dei nostri programmi c’erano margini di convergenza molto importanti, dal reddito di cittadinanza per il M5S alla flat tax per la Lega. Ma parliamo anche della giustizia, della lotta alla corruzione, delle pensioni, del superamento della legge Fornero, del conflitto di interessi. Insomma: i problemi di cui la politica in passato ha sempre parlato ma non ha mai risolto adesso sono pronti a essere messi in un contratto di governo tra due parti che si stanno confrontando”, aveva detto Bonafede in un video postato su Facebook.

Nel comunicato congiunto diffuso da M5S e Lega a commento del primo tavolo tecnico non c’è però il tema del ‘conflitto di interessi’, non figura insomma nella lista dei “punti di convergenza programmatici” individuati dalle due forze politiche e messi nero su bianco nel comunicato diffuso in serata. Nella nota si parla infatti di “superamento della legge Fornero, sburocratizzazione e riduzione di leggi e regolamenti; reddito di cittadinanza, con iniziale potenziamento dei centri per l’impiego; introduzione di misure per favorire il recupero dei debiti fiscali per i contribuenti in difficoltà`”. E ancora: “studio sui minibot, flat tax, riduzione costi della politica, lotta alla corruzione, contrasto all’immigrazione clandestina, legittima difesa”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background