Vertice Trump-Kim il 12 giugno a Singapore  

Scritto da il 9 maggio 2018

Vertice Trump-Kim il 12 giugno a Singapore

(Afp)

Pubblicato il: 10/05/2018 17:01

“Il tanto atteso meeting tra Kim Jong Un e me si svolgerà il 12 giugno a Singapore“. Lo annuncia il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, con un tweet. “Entrambi proveremo a trasformarlo in un momento molto speciale per la pace mondiale”, aggiunge Trump.

The highly anticipated meeting between Kim Jong Un and myself will take place in Singapore on June 12th. We will both try to make it a very special moment for World Peace!

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 10 maggio 2018

La scelta, concordata dai due paesi, non può essere considerata una sorpresa: Singapore, come osservano gli analisti, soddisfa tutti i requisiti necessari per un evento di tale portata e in virtù delle proprie caratteristiche ha superato la concorrenza delle altre candidature: niente zona demilitarizzata tra le Coree, niente Bangkok, niente campo neutro europeo tra Ginevra, Helsinki o Stoccolma. La città-stato offre garanzie assolute a livello di sicurezza, elemento prioritario per entrambe le delegazioni. La Corea del Nord può contare sulla presenza di una propria ambasciata: una rarità, se si considera che le sedi diplomatiche di Pyongyang in giro per il mondo sono poco più di 10. Gli Stati Uniti, d’altra parte, vantano solidi legami con Singapore, testimoniati anche dalla costante presenza di navi della marina a stelle e strisce nella base di Changi. Singapore ha già un curriculum di altissimo livello in materia di summit speciali: lì, nel 2015, è andato in scena l’incontro -anche quello storico- tra il presidente cinese Xi Jinping e -all’epoca- quello taiwanese Ma Ying-jeou.

Per la prima volta dalla guerra civile terminata 70 anni fa, allo stesso tavolo si sono accomodati i leader di Pechino e di Taipei. Xi e Ma si sono incontrati allo Shangri-La Hotel, situato in una zona lontana dal cuore di Singapore. Non è escluso che la struttura possa essere utilizzata il 12 giugno. La scelta della sede risponde anche a criteri strettamente logistici. Kim, com’è noto, non ama spostarsi in aereo. Per il primo viaggio ufficiale all’estero, da quando ha assunto la leadership, ha utilizzato il treno e lontano da occhi indiscreti ha raggiunto Pechino per incontrare Xi. Non è realistico ipotizzare un viaggio in treno per coprire i circa 4000 km che separano Pyongyang dalla sede del vertice. Più semplice pensare ad un volo internazionale, alla portata della ristretta flotta aerea nordcoreana. Per Trump, invece, cambia relativamente poco. Una sede in territorio americano non è mai stata presa in considerazione e un viaggio attraverso l’oceano -Atlantico o Pacifico- è stata sin dall’inizio l’unica reale opzione.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background