Mondo di mezzo, 20 rinvii a giudizio e una condanna  

Scritto da il 20 maggio 2018

Mondo di mezzo, 20 rinvii a giudizio e una condanna

Pubblicato il: 21/05/2018 11:52

Venti rinvii a giudizio e una condanna a un anno. E’ la decisione del gup di Roma Monica Ciancio nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta sul Mondo di mezzo. La prima udienza è stata fissata per il 19 settembre. A processo andranno, tra gli altri, l’ex capogruppo Pd in Campidoglio Francesco D’Ausilio e l’ex direttore generale di Ama Giovanni Fiscon. Al centro di questo troncone di inchiesta vari episodi, tra il 2011 e il 2014, di corruzione, turbativa d’asta, rivelazione del segreto d’ufficio e finanziamento illecito.

Sul banco degli imputati anche gli imprenditori Fabrizio Amore e Flavio Ciambella, Fabio Tancredi, ex direttore del X Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde-Protezione civile di Roma Capitale. Emilio Gammuto, collaboratore del ras delle coop romane Salvatore Buzzi, aveva chiesto il rito abbreviato ed è stato condannato a un anno. Coinvolti inoltre Nadia Cerrito, ex collaboratrice di Buzzi, Clelia Logorelli, quale dirigente preposto al settore verde di Eur spa, Giampaolo Cosimo De Pascali, appuntato in servizio presso il Reparto Carabinieri Presidenza della Repubblica (Ufficio Direzione Sovrintendenza Centrale Servizi di Sicurezza), il presidente della cooperativa ‘Capodarco’ Maurizio Marotta.

Il gup ha infine disposto l’invio degli atti alla Procura di Tivoli per competenza in merito alle posizioni dell’ex sindaco di Sant’Oreste Sergio Menichelli, del responsabile dell’ufficio tecnico del Comune, Marco Placidi e di Raniero Lucci, collaboratore di Buzzi.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background