Salvini all’Europa: “Basta invasioni di campo”  

Scritto da il 21 maggio 2018

Salvini all'Europa: Basta invasioni di campo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 22/05/2018 12:23

Basta interferenze. La Lega torna a rispedire al mittente le critiche e le preoccupazioni espresse dall’Europa per la formazione del nuovo governo. “Proseguono le invasioni di campo – scrive su Facebook Matteo Salvini – Dopo francesi e tedeschi, oggi è il turno del ministro degli Esteri del Lussemburgo Jean Asselborn: ‘Spero che Mattarella non permetta al nuovo governo italiano di distruggere tutto il lavoro fatto negli ultimi anni in Europa’. Confermo: all’estero siano sereni, agli italiani ci pensiamo noi“.

Abbiamo a che fare con una situazione in Italia che ci può danneggiare, ma che può danneggiare anche gli italiani – ha detto Asselborn, a margine del Consiglio Affari Esteri, riunito a Bruxelles nel formato Commercio – Spero che il presidente italiano riesca a svolgere un ruolo per prevenire la perdita di tutti i progressi fatti negli ultimi otto anni”.

UE: “ELEMENTI PREOCCUPANTI” – In merito al governo 5 Stelle/Lega in via di formazione in Italia, ha risposto, a margine del Consiglio a Bruxelles, la commissaria europea al Commercio Cecilia Malmstroem. “Non abbiamo visto tutte le questioni, naturalmente ascolteremo e parleremo con loro. Ma sì, ci sono alcune cose che sono preoccupanti” ha dichiarato Malmstroem. In ogni caso, “il governo non è ancora confermato, quindi non facciamo discussioni ipotetiche”.

Parole che non sono piaciute a Gian Marco Centinaio, capogruppo del Carroccio al Senato. “Vada a lavorare la Malmstrom, vada a lavorare” ha commentato, ospite di Agorà su Rai 3.

Anche il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, in un’intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt è intervenuto sul governo in via di formazione in Italia: “In linea di principio, la Commissione europea non interferisce nelle politiche nazionali: tuttavia riteniamo molto importante che il nuovo governo italiano mantenga la sua strada e persegua una politica di bilancio responsabile”. “L’Italia – ha sottolineato – ha il secondo debito pubblico più alto della zona euro dopo la Grecia”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background