“La dieta mediterranea è morta”  

Scritto da il 23 maggio 2018

La dieta mediterranea è morta

Alimenti della dieta mediterranea

Pubblicato il: 24/05/2018 19:20

La dieta mediterranea è morta, proprio nei Paesi in cui è nata. L’allarme arriva dall‘European Congress on Obesity a Vienna, e a lanciarlo è Joao Breda, responsabile dell’Ufficio europeo dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche. La prova della morte del regime alimentare famoso in tutto il mondo come il più salutare, arriva dalla bilancia dei bambini greci, spagnoli e italiani. In Grecia, Spagna e Italia oltre il 40% dei bimbi di 9 anni è obeso o in sovrappeso, dato che a Cipro arriva al 43%. Insomma, i Paesi che hanno dato il nome alla dieta più sana del mondo di fatto non la seguono più, tanto che vantano i bimbi più grassi d’Europa.

Dolci, cibo spazzatura e bibite zuccherate hanno rimpiazzato i piatti della dieta tradizionale, ricca di frutta e verdura, pesce e olio extravergine d’oliva. “La dieta mediterranea per i bambini di questi Paesi è morta”, ha detto Breda a Vienna. “Non c’è più. E i più vicini alla dieta mediterranea sono i bambini svedesi. La dieta mediterranea è andata, e noi dobbiamo recuperarla”. Oggi i bimbi dei Paesi bagnati dal Mediterraneo mangiano troppi zuccheri, grassi e sale nel cibo, e si muovono molto poco. L’esperto guarda ai dati europei del report che monitora l’obesità. Gli ultimi numeri, relativi al periodo 2015-17, mostrano che i tassi di obesità infantile più bassi spettano a Tajikistan, Turkmenistran e Kazakistan. Ma anche Francia, Norvegia, Lettonia e Danimarca hanno tassi di obesità ridotti, dal 5% al 9%, mentre l’Irlanda è al 20%.

La buona notizia, riferisce ‘The Guardian’, è che i Paesi mediterranei stanno affrontando il problema. Almeno tre quarti dei bambini italiani oggi mangiano frutta tutti i giorni o per la maggior parte della settimana. “E’ un progresso – conclude Breda – E’ stato riconosciuto che c’è un problema e si sta cercando di intervenire”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background