‘Rotte libere’ da 9mila metri nei cieli italiani  

Scritto da il 23 maggio 2018

'Rotte libere' da 9mila metri nei cieli italiani

(Fotogramma)

Pubblicato il: 24/05/2018 11:54

‘Rotte libere’ sopra i 9.000 metri. Da oggi tutti i velivoli che attraversano i cieli nazionali potranno pianificare un percorso diretto da un punto di ingresso a un punto d’uscita dello spazio aereo italiano senza far più riferimento al network di rotte anche al di sotto degli 11.000 metri fino ai 9.000 metri. Ad annunciarlo è l’Enav, la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia. Questa innovativa procedura, denominata Free Route, permette, sottolinea l’Enav, alle compagnie aeree di volare la rotta ideale senza alcun vincolo di traiettoria, con conseguenti benefici in termini di efficienza del volo, riduzione del consumo di carburante e quindi minori emissioni nocive nell’ambiente.

Il Free Route è una procedura prevista dai regolamenti comunitari del Single European Sky a cui tutti i Paesi europei devono adeguarsi entro il 2022. Enav, con 4 anni di anticipo, è stato il primo fra i grandi service provider continentali ad adottare questa procedura già dal dicembre 2016, inizialmente al sopra di 11.000 metri di quota.

Si stima che, nel 2018, grazie all’abbassamento della quota Free Route saranno 70.000 i voli che avranno benefici, con un risparmio medio per volo di circa 22,8 km per un totale di oltre 1.630.000 km annui percorsi in meno e un conseguente risparmio di carburante di circa 7 milioni di kg con 21 milioni di kg di CO2 in meno immessi nell’ambiente. Il beneficio complessivo atteso per le compagnie aeree è quantificabile in circa 5 milioni di euro.

Nel 2017 con il Free Route sopra gli 11.000 metri, le compagnie aeree che hanno attraversato lo spazio aereo nazionale hanno risparmiato 30 mln di kg di carburante con minori emissioni di CO2 per 95 mln di kg. Va considerato che degli oltre 1,8 milioni di movimenti che Enav ha gestito nel 2017, il 30% sono voli di solo attraversamento cioè che non atterrano o decollano da un aeroporto nazionale.

“La nostra mission principale, come noto, è garantire – sottolinea l’amministratore delegato di Enav Roberta Neri – il miglior servizio in massima sicurezza a tutte le compagnie che volano sui cieli italiani. Ma oggi siamo chiamati a farlo anche con un approccio sempre più orientato al cliente”.

“Questo ulteriore sviluppo della procedura Free Route è la dimostrazione del valore professionale e tecnico che Enav è in grado di mettere in campo, grazie alla formazione continua del personale operativo e gli investimenti in tecnologia che confermano la Società come uno dei principali player nel panorama internazionale per qualità del servizio ed innovazione”, conclude Neri.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background