Tempi incerti per il governo, resta nodo Savona  

Scritto da il 24 maggio 2018

Tempi incerti per il governo, resta nodo Savona Conte un'ora da Mattarella

(Fotogramma)

Pubblicato il: 25/05/2018 21:01

Tempi incerti per la formazione del governo 5 Stelle-Lega. Si attende di capire quando il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte tornerà al Colle per sciogliere la riserva e presentare la lista dei ministri. E a questo punto non è detto che possa accadere domani. Conte oggi è salito al Quirinale per un incontro di un’ora durante il quale ha informato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sugli sviluppi dell’incarico ricevuto 48 ore fa.

Informativo e, soprattutto, interlocutorio sarebbe stato il colloquio tra il presidente incaricato e il capo dello Stato, che naturalmente, anche alla luce del preoccupante rialzo dello spread, della nuova seduta negativa della Borsa, degli attacchi rivolti all’Italia dalla stampa tedesca e britannica, avrebbe ribadito tutte le preoccupazioni perché si possa arrivare ad avere al più presto un governo che rassicuri i mercati e conseguentemente salvaguardi il sistema finanziario e creditizio e garantisca la tutela del risparmio.

In questo quadro resta centrale la nomina del ministro dell’Economia e continuerebbe il braccio di ferro sul nome di Paolo Savona, sul quale, a detta del diretto interessato, vi sarebbero dei veti, e che per la Lega continua a rappresentare la ‘linea del Piave’.

Dal Quirinale si mantiene il massimo riserbo sugli sviluppi delle ultime ore e sull’incontro di oggi con Conte, ma naturalmente restano agli atti le prese di posizione che hanno contrassegnato le settimane di questa lunga crisi.

Mattarella rispetta il confronto e la dialettica tra le forze politiche, ma è anche geloso custode di previsioni, regole e prerogative costituzionali, a partire da quelle del capo dello Stato, che non svolge una semplice funzione ‘notarile’.

Perciò, al di là delle intese tra i partiti, è comunque il presidente del Consiglio che dirige e coordina l’attività del governo e ne è il responsabile. Ed è il presidente della Repubblica, che su proposta del premier, nomina i ministri. E, più che mettere veti, non tollera che vengano avanzati diktat nei suoi confronti. E Movimento 5 stelle e Lega non possono dimenticarlo.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background