Moscovici: “No a interferenze sull’Italia”  

Scritto da il 30 maggio 2018

Moscovici: No a interferenze sull'Italia

(Afp)

Pubblicato il: 31/05/2018 12:50

“Quello che è chiaro è che la democrazia deve avere l’ultima parola, non devono esserci piani qui o là che contraddicano la democrazia. Sono gli italiani che decideranno del loro destino e naturalmente noi rispettiamo tutti il posto dell’Italia come fondatore dell’Europa e come Paese al cuore della zona euro”. Così il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici risponde, in conferenza stampa, in merito al ‘piano B’ che la Germania sta preparando, come ha spiegato all’Adnkronos il direttore del Ceps Daniel Gros, per isolare dal contagio Paesi del Sud Europa come Spagna e Portogallo utilizzando tutto l’arsenale dell’Ue, a partire dall’Esm, piano che dovrebbe scattare nel caso in cui un eventuale governo Lega-M5S dovesse dare seguito alle ventilate ipotesi di uscita dell’Italia dall’euro.

“Il procedimento democratico – aggiunge Moscovici – è tuttora in corso in Italia e vedremo quando e in che cosa risulterà. Sarebbe inammissibile speculare e ancora di più interferire. Siamo pronti come Commissione Europea a lavorare con i nuovi interlocutori quando entreranno in carica: è la nostra intenzione, come con tutti i governi dell’Ue”.

L’Italia “è un grande atout”, una grande risorsa, “per l’Eurozona. E le sfide che l’Italia ha di fronte sono ben note: ridurre il debito pubblico, stimolare la produttività per migliorare la competitività, dare speranze ai giovani e in particolare rimarcare una solidarietà con il Sud del Paese. Ci sono delle frustrazioni, e bisogna comprenderle; c’è della collera, bisogna ascoltarla”, afferma ancora il commissario agli Affari Economici e Finanziari

“Vorrei ricordare qualche dato economico – aggiunge Moscovici – per tirare il collo a queste voci, che io ritengo infondate e inopportune. L’economia italiana emerge da un lungo periodo di crisi: c’è la crescita, prevediamo un calo della disoccupazione quest’anno e il prossimo. Il debito pubblico è su una traiettoria discendente, anche se in misura modesta: questi sono dei miglioramenti veri, che riflettono gli sforzi che sono stati dispiegati dai cittadini e dalle imprese italiane nel corso degli ultimi anni. Bisogna concentrarsi su questi fatti, piuttosto che speculare“.

“E’ evidente – continua il commissario – che quello che succede in Italia ha un’importanza capitale per l’Ue, per l’Eurozona, per gli investitori, per il mondo intero: Valdis (Dombrovskis, vicepresidente della Commissione, ndr) andrà al G7 e l’Italia ne è un membro importante. In questo contesto speculare è più che assurdo: è inammissibile. Non c’è alcun dubbio sul fatto che l’Italia è un grande atout per la zona euro. Dunque – conclude – è la democrazia che deve prevalere, e solo lei. E’ la nostra legge comune”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background