Ore decisive per il governo  

Scritto da il 30 maggio 2018

Ore decisive per il governo

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 31/05/2018 15:04

Dopo l’apertura di Matteo Salvini alla proposta di Luigi Di Maio su Paolo Savona, la trattativa per un governo gialloverde è rientrata nel vivo. Il leader della Lega è volato in mattinata a Roma, annullando tutti gli impegni elettorali in Lombardia, per vedere Luigi Di Maio e Giuseppe Conte.

Ma il nodo Savona, per un possibile ‘spostamento’ di ministero, resta ancora tutto da sciogliere. Sarebbe proprio l’economista euroscettico a dirsi non disponile ad ipotesi diverse da quella che lo vedrebbe a via Venti Settembre, titolare del Mef. In ballo c’è anche la probabile intesa con Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni che potrebbe sedersi alla Difesa. La leader di Fdi, che a sua volta ha annullato tutti i suoi impegni in Puglia, ha incontrato a Montecitorio Salvini.

“Confermo quanto detto da Meloni: di fronte a un’esigenza drammatica dell’Italia, che potrebbe trovarsi a votare a luglio e trovarsi sotto gli attacchi finanziari, noi abbiamo espresso la disponibilità a rafforzare il governo. Con quali forme e con quali metodi non è ancora stato deciso, se ne comincia semmai a discutere adesso”, ha detto Ignazio La Russa di Fdi al termine dell’incontro tra Salvini e Meloni. “L’unica cosa sicura è che l’intento è quello patriottico”, sottolinea il vice presidente del Senato, precisando che “con i 5 Stelle non abbiamo ancora parlato”.

I 5 Stelle dal canto loro invocano un “atto di responsabilità”. “Conte mi sembra la figura più adatta, lo ha dimostrato”, ha detto Carlo Sibilia, ex membro del direttorio, che sull’ipotesi di un governo a guida Lega dice: “Non so da dove vengano fuori queste ipotesi”. “Io mi auguro che da questo stallo si esca con un atto di responsabilità. Oggi mi sembra una buona giornata”, ha poi tagliato corto con un sorriso.

Ma la controversa linea Di Maio sembra stia scatenando malumori e proteste da parte di alcuni deputati e senatori pentastellati, una cinquantina, che hanno deciso di farsi sentire riunendosi a Palazzo Madama. Non una riunione in agenda, ma un’assemblea sorta spontaneamente. Al centro del dibattito – acceso come le vecchie assemblea di antica memoria- l’evolversi della situazione politica, con il M5S al centro della scena, un passo avanti e uno indietro verso Palazzo Chigi. Così, raccontano fonti grilline, alcuni neo senatori hanno chiesto un momento di chiarezza, sentendosi esclusi dalle decisioni che contano.

Nel frattempo, a quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti parlamentari, ci sarebbe stata questa mattina una lunga telefonata tra il capo dello Stato Sergio Mattarella e il presidente della Camera, Roberto Fico. La terza carica dello Stato, dunque, non dovrebbe salire al Quirinale, dove questa mattina è stata ricevuta, per un colloquio informale, la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background