Silvio preoccupato  

Scritto da il 30 maggio 2018

Silvio preoccupato

(Fotogramma)

Pubblicato il: 31/05/2018 06:52

Wait and see. Silvio Berlusconi non abbandona la sua posizione di attento osservatore di quel che sta succedendo. Ieri, a pranzo, è tornato a riunire lo stato maggiore di Fi, presenti Gianni Letta e Niccolò Ghedini. La linea non cambia. Alle prese con un partito confuso e preoccupato dall’opa della Lega in atto sul territorio e dal rischio di salvinizzazione, il Cav avrebbe invitato alla cautela e insistito sulla coabitazione forzosa con il suo principale alleato, Matteo Salvini, per convenienza politica e tattica in attesa delle decisioni del Colle. “Il nostro rapporto con Salvini non è certo in discussione”, assicura Deborah Bergamini. L’unità del centrodestra resta la nostra stella polare, va ripetendo il leader azzurro, convinto che alle prossime politiche la coalizione Fi Fdi Lega possa fare il 40% e tornare a palazzo Chigi.

Dopo l’offerta di Di Maio di sostituire Savona all’Economia, condivisa dal Colle, “ora la palla passa a Salvini“, dice un big azzurro che descrive un Berlusconi preoccupato dallo stallo attuale e dalla prospettiva di un ritorno al voto già questa estate, perchè il Paese ha bisogno subito di stabilità. Votare a luglio è una follia, avrebbe detto l’ex premier ai vertici del partito. Una riedizione del governo giallo verde è al centro di una trattativa molto delicata con il segretario di via Bellerio, raccontano, determinato a non mollare facilmente sulla ‘bandiera’ Savona e nello stesso tempo c’è da risolvere il caso Cottarelli con il nodo della ‘fiducia tecnica’.

Non a caso Maria Stella Gelmini, presidente dei deputati Fi, dice: ”Riteniamo assurda l’ipotesi di elezioni a fine luglio o i primi di agosto. Se nelle prossime ore non si riuscirà a far nascere un governo politico, si trovi un accordo in Parlamento per accompagnare ordinatamente il Paese al voto in autunno”. Raccontano che ieri Salvini e Berlusconi si sarebbero sentiti al telefono: il segretario del Carroccio avrebbe informato il presidente di Fi degli ultimi sviluppi della situazione. Resta saldo, insomma, l’asse tra via Bellerio e Arcore, anche se tra gli azzurri c’è sempre la forte preoccupazione che alla fine Salvini possa fare un brutto scherzo e lasciare il Cav con il cerino in mano per abbracciare i Cinquestelle.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background