“Ho venduto il bar ai cinesi, ecco come”  

Scritto da il 4 giugno 2018

Ho venduto il bar ai cinesi, ecco come

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 05/06/2018 07:15

Più che felice, è raggiante. “Ho ricevuto tre offerte in due giorni per il mio bar e ho venduto subito dopo” dice all’Adnkronos Francesco, ormai ex proprietario di un’attività commerciale nel torinese. “Erano più di sei mesi che cercavo un acquirente. Avevo provato con due agenzie immobiliari, ma nulla. Solo un possibile compratore si era fatto avanti, ma alla fine si è scoperto che non aveva i soldi”. C’è stato, poi, il consiglio di un amico. “Vendi ai cinesi – mi ha detto – e io che non avevo nulla da perdere, quasi per scommessa, ci ho provato”. Ha messo l’annuncio sul sito vendereaicinesi.it che, spiega all’Adnkronos uno dei fondatori Simone Toppino, “traduce l’offerta in cinese mandarino, pubblicandola sia sul portale che su alcuni giornali e mette così in contatto possibile acquirente e compratore”.

Francesco non si aspettava un successo simile. “Ho speso un po’ di più rispetto all’offerta base, ho ‘investito’ 60 euro per dare maggiore visibilità al mio annuncio. Due giorni dopo mi hanno chiamato e sono arrivati anche abbastanza rapidamente, considerando che venivano da altre regioni. Solo uno era della mia stessa città, l’altro era di Bologna e un terzo di Padova. Abbiamo usato il mio commercialista ed è andato tutto liscio”. In tempi rapidissimi il bar è passato di mano, nonostante qualche problema con la lingua, durante la trattativa. “Il padre non si esprimeva benissimo, ma si è fatto accompagnare dal figlio, poco più che maggiorenne, nato qui, che parlava perfettamente l’italiano. A pagare è stato papà: 250mila euro solo l’attività. Per le mura, che non erano mie, hanno stipulato un affitto a parte”. Hanno anche accettato di non cambiare i miei due baristi storici e di questo sono stato particolarmente contento.

“Questa era la mia priorità. I due ragazzi hanno famiglia e loro non hanno fatto una piega, anzi. ‘Per noi è altrettanto importante, per non perdere la clientela’ – mi hanno detto -. Ogni tanto ci passo, a fare due parole, a prendermi qualcosa – aggiunge lasciandosi andare a un pizzico di nostalgia -. Sì, il caffè è rimasto lo stesso. Non hanno cambiato neanche i fornitori”. L’unica differenza? “Un piccolo dragone rosso, pare sia di buon augurio, che fa capolino dalla cassa, dove c’è ora il figlio dei nuovi proprietari”. Ha portato fortuna ad entrambi, a quanto pare.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background