Tensione alle stelle  

Scritto da il 12 giugno 2018

Conte: Senza scuse Macron resto a Roma

(Afp)

Pubblicato il: 13/06/2018 16:18

Nessun dubbio: senza un chiarimento e le scuse di Macron all’Italia io resto a Roma. Non ho il minimo tentennamento, chi sbaglia – chiunque esso sia – deve chiedere scusa, prima che a me all’Italia. Abbiamo salvato milioni di vite umane, l’Europa tutta deve tenerlo a mente”. Giuseppe Conte, raccontano fonti governative all’Adnkronos riportando le parole del premier, è deciso, con il sorriso sulle labbra spiazza i suoi: su Parigi è irremovibile dopo le accuse rivolte dalla Francia all’Italia sulla vicenda della nave Aquarius, con Emmanuel Macron che ha parlato di “irresponsabilità e cinismo” mentre il suo partito En Marche ha definito “vomitevole” la linea del governo italiano.

TRIA ANNULLA TRASFERTA – Ieri, viene raccontato, avrebbe messo in dubbio il bilaterale con Emmanuel Macron vincendo le resistenze di chi, tra i suoi consiglieri più stretti, temeva l’incidente diplomatico. E anche dietro la decisione del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, di annullare la trasferta in Francia ci sarebbe il suo zampino. I due avrebbero deciso insieme di cancellare il volo, in programma alle 14, del responsabile dell’Economia. Il premier attende le scuse: se non arriveranno nell’arco della giornata, il vertice verrà considerato annullato.

ELISEO: NESSUNA INFORMAZIONE SU RICHIESTA SCUSE – L’Eliseo però fa sapere che la Francia “non ha ricevuto nessuna informazione della presidenza del Consiglio” italiana “su una richiesta di scuse o su un possibile annullamento della visita” di Giuseppe Conte, secondo quanto riferiscono i media d’Oltralpe.

MACRON: LAVORIAMO MANO NELLA MANO – Macron intanto esorta a “non cedere alle emozioni, che alcuni manipolano” e assicura che la Francia “lavora mano nella mano con l’Italia” per gestire i flussi migratori. “E’ un anno che lavoriamo in maniera esemplare con l’Italia”, ha aggiunto il presidente francese, in dichiarazioni durante una sua visita a Mouchamps (Vandea), riportate dai media francesi.

SALVINI – Il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, spera che da Parigi “arriveranno le scuse”. “Non abbiamo niente da imparare da nessuno in termini di solidarietà. La nostra storia di generosità e di volontariato – ha sottolineato Salvini parlando al Senato – non merita di essere apostrofata in questi termini da esponenti del governo francese che spero diano scuse”. “Chiedo a Macron – ha aggiunto – di passare dalle parole ai fatti e accogliere i 9mila migranti che si era impegnato ad accogliere per dare un segno concreto”.

Poi, lasciando a piedi palazzo Madama dopo l’intervento sul caso Aquarius, il vicepremier ha dichiarato: “Conte è legittimato a non andare al vertice di Parigi, noi lo sosterremo. Ci sono ragioni molto fondate per prendere questa decisione”. “Conte senza scuse ufficiali – ha spiegato – fa bene a non andare”.

FARNESINA CONVOCA AMBASCIATORE – La Farnesina ha convocato oggi l’ambasciatore francese in Italia definendo “inaccettabili” le dichiarazioni arrivate da Oltralpe e avvertendo che simili accuse “stanno compromettendo le relazioni tra Italia e Francia”.

Il vertice tra il presidente del Consiglio e il presidente francese è previsto per venerdì prossimo.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background