“Martina non si è suicidata” 

Scritto da il 13 giugno 2018

Martina non si è suicidata

Foto di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 14/06/2018 18:50

La caduta perpendicolare dimostra che la dinamica è incompatibile con un suicidio. E’ questa, in sintesi, l‘ipotesi esposta dal perito dell’accusa, Marco Santini, nel corso dell’udienza di oggi al processo che si celebra davanti al Tribunale di Arezzo per la morte della studentessa genovese Martina Rossi, caduta dal sesto piano dell’hotel Sant’Ana di Palma di Maiorca (Spagna) il 3 agosto 2011.

Gli imputati sono Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, rispettivamente di 25 e 26 anni, entrambi residenti a Castiglion Fibocchi (Arezzo), accusati del reato di morte in conseguenza di tentata violenza sessuale.

Il perito Marco Sartini ha illustrato alla corte i rilievi effettuati su foto della polizia scientifica spagnola, spiegando che Martina Rossi è caduta in modo perpendicolare e che “se invece si fosse gettata dal balcone o qualcuno l’avesse spinta, la traiettoria avrebbe dovuto essere più arcuata, e il punto di impatto sul terreno sarebbe stato più distante rispetto al balcone della camera 609 che era occupata dai due giovani aretini”.

La difesa degli imputati sostiene infatti che Martina Rossi si suicidò gettandosi dal sesto piano dell’albergo. La Procura ritiene invece che la vittima perse la vita per sfuggire alla violenza sessuale di Vanneschi e Albertoni nella loro camera.

Nel corso dell’udienza di oggi sono state illustrate anche le perizie di Marco Di Paolo e Isabella Spinetti, rispettivamente medico legale e genetista che analizzarono il corpo, riesumato, della ragazza. Di Paolo e Spinetti hanno spiegato che sulla salma, che era in pessime condizioni, “non sono emerse tracce di Dna dei due imputati”, e che le fratture riscontrate sono tutte compatibili con la caduta, compresa quella alla mandibola che aveva fatto ipotizzare alla parte civile un pugno sferrato nel corso di un tentativo di stupro. “Se si fosse trattato di un pugno – ha detto il medico legale – sarebbe stato così violento da far svenire Martina, senza darle il tempo di portarsi fino al balcone”.

Erano le 6 del mattino del 3 agosto 2011 quando Martina, studentessa ventenne arrivata due giorni prima a Palma di Maiorca per una vacanza con due amiche di Genova, viene trovata morta nella vasca ornamentale davanti all’Hotel Santa Ana di Cala Mayor, dopo un volo di sei piani. La ragazza, si scoprirà poco più tardi, è precipitata dal balcone della stanza 609: non la sua, ma quella di Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, conosciuti la notte prima in discoteca. Secondo la ricostruzione di Alessandro, Martina lo avrebbe aggredito all’improvviso gridando “tu mi vuoi uccidere” e lo avrebbe quindi graffiato sul collo per poi uscire in balcone e buttarsi nel vuoto.

Archiviato frettolosamente dalla giustizia spagnola come incidente o suicidio, il caso di Martina è stato riaperto dagli inquirenti italiani che hanno rinviato a giudizio i due giovani.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background