Migranti, la proposta di Moavero  

Scritto da il 16 giugno 2018

Migranti, la proposta di Moavero

Il ministro degli Esteri Moavero Milanesi (Fotogramma)

Pubblicato il: 17/06/2018 09:33

“La questione dei migranti è la più calda in Europa. È sempre più sentita dall’opinione pubblica e su di essa l’Unione Europea è rimasta latitante per troppi anni. Attraverso continui rinvii, discussioni e dichiarazioni, non ha mai affrontato davvero questo evento epocale”. Lo dice il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, sottolineando che “l’Ue ha procedure e regole inadatte, perché concepite prima che il fenomeno migratorio diventasse così acuto”.

Secondo il ministro, invece, bisogna “agire quanto più possibile nei Paesi d’origine e di transito, nel rispetto dei diritti umani e per contrastare questo orribile traffico di persone. Significa, per i richiedenti asilo, poter fare tutte le verifiche prima che si mettano in viaggio”. Quindi “centri di assistenza, informazione e protezione” che vanno fatti “nei Paesi da cui si parte, se possibile, o nelle regioni adiacenti e nei Paesi di transito. Devono essere centri europei, con la bandiera blu a 12 stelle e personale di tutti gli Stati Ue. Penso a centri lungo le rotte, ai quali ci si possa riferire per avere aiuto, informazioni veritiere e anche mezzi per tornare indietro”.

“Le odissee che affrontano queste persone sono tragiche – sottolinea Moavero Milanesi – Durano mesi, anni. Pensiamo a punti di riferimento e rifugio, dove si possa magari cambiare idea e rientrare. Nei casi chiari di diritto di asilo, la verifica va organizzata il più vicino possibile ai luoghi di origine, dove individuare anche la destinazione più appropriata nella Ue; dopo, le persone vanno fatte viaggiare in condizioni degne”.

Quanto all’ipotetico ‘asse’ tra Italia, Germania e Austria: “A parte la terminologia piuttosto infelice, credo che in Europa chiunque sia animato da buona volontà debba convergere; in un’ottica di risultato, rinunciando agli egoismi divisivi e alle rivendicazioni”, conclude il ministro.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background