Intesa Conte-Merkel su migranti  

Scritto da il 17 giugno 2018

Intesa Conte-Merkel su migranti

(Afp)

Pubblicato il: 18/06/2018 19:50

“La posta in gioco” per l’Europa “è altissima”. “Dobbiamo costruire un’Europa più forte ed equa che possa rispondere ai bisogni primari dei suoi cittadini”. E ancora: ”L’Italia non può continuare a fare da sola”, le ”frontiere italiane sono le frontiere europee”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, arrivato a Berlino per un colloquio con la cancelliera tedesca, Angela Merkel. Sul tavolo del bilaterale c’è soprattutto il nodo immigrazione, ma anche una delle emergenze italiane per eccellenza: quella della povertà.

Sul fronte dell’immigrazione Conte ha rimarcato che “l’Europa deve contrastare gli indegni traffici umani”, osservando che “senza un rafforzamento della gestione europea il fenomeno migratorio non può essere governato ed è destinato a rimanere senza controllo”. Quindi ha avvertito: ”l’Italia non può restare da sola e senza adeguati meccanismi di solidarietà, che operino una ridistribuzione più equa. Il tema della migrazione e della governance economica europea possono essere l’occasione per costruire un’Europa più forte ed equa”.

Quanto alla proposta di riforma del regolamento di Dublino, Conte l’ha definita “ormai superata dai fatti” sottolineando che “la direzione non può più essere quella”. Per il premier italiano serve un ”nuovo approccio solidale, per cui chi mette piede in Italia, mette piede in Europa”, altrimenti il rischio è quello di ”innescare dinamiche bilaterali e intergovernative” che potrebbero portare alla “fine allo spazio Schengen“.

”Dobbiamo operare tutti insieme in base a un approccio integrato multilivello – ha spiegato Conte -. Occorre “agire al meglio nei paesi d’origine e di transito affinché qui avvengano le identificazioni e le richieste di asilo dei migranti”. Parlando della Libia, Conte ha aggiunto: “Dobbiamo continuare a lavorare per la stabilizzazione del Paese ed è fondamentale sostenere le autorità libiche nel contrasto ai network criminali che sfruttano l’immigrazione”. In ”questo campo l’Europa deve dare prova di solidarietà”.

Parole alle quali fanno eco quelle della cancelliera tedesca. L’immigrazione ha rimarcato Merkel “è un problema che dobbiamo affrontare di petto“. “Bisogna vedere come riusciamo a stabilizzare il governo della Libia – ha sottolineato la cancelliera – come possiamo formare meglio la Guardia costiera libica, far sì che i profughi che si trovano in quel paese possano essere accolti nella maniera migliore e più dignitosa, come l’Oim possa dare loro sostegno, affinché eventualmente si possa avviare già una procedura di asilo” nei Paesi da cui provengono i migranti.

“Sono tutte cose di cui parleremo nei prossimi mesi e collaboreremo molto strettamente”, ha assicurato Merkel, osservando che “anche la Germania è colpita direttamente dal fenomeno migratorio, per questo è molto interessante per entrambe le parti approfondire questa tematica”. “Su richiesta dell’Italia – ha spiegato – vogliamo proprio aiutare con la nostra solidarietà e la solidarietà in Europa è qualcosa che accogliamo a braccia aperte”.

Quindi la cancelliera tedesca ha ribadito che nella gestione dei flussi migratori la Germania intende “collaborare molto strettamente” con l’Italia, Paese con il quale si è detta “perfettamente d’accordo sulla protezione delle frontiere esterne”. “Frontex deve essere potenziata – ha aggiunto Merkel – e nel medio termine il finanziamento deve essere garantito per potere affrontare il problema dell’immigrazione illegale e dei trafficanti”. Lo stesso vale, “per lo sviluppo del continente africano ed il trust (Ue) deve essere dotato di più mezzi adeguati” ha concluso.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background