Onu a Trump: “Inaccettabile separare genitori e figli”  

Scritto da il 17 giugno 2018

Onu a Trump: Inaccettabile separare genitori e figli

(Fotogramma)

Pubblicato il: 18/06/2018 14:21

La politica statunitense di separare i bambini dai loro genitori che sono entrati illegalmente al confine con il Messico è “inammissibile”. E’ quanto afferma l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. “Pensare che uno Stato possa cercare di dissuadere i genitori infliggendo tali abusi ai bambini è inaccettabile”, ha detto Zeid Ra’ad Al Hussein, aprendo una sessione del Consiglio per i diritti umani a Ginevra.

Secondo il dipartimento della Sicurezza Interna, sono almeno 2mila i bambini che sono stati separati dai genitori a seguito del varo da parte dell’amministrazione Trump di una nuova politica di ‘tolleranza zero’ che porta all’arresto di tutti i migranti che tentano di attraversare il confine tra Messico e Stati Uniti.

“BAMBINI CHIUSI IN GABBIA” – “Ho visto gabbie piene di bambini. Non è nient’altro che una prigione”. Peter Welch, deputato del Vernont, è uno dei Congressman che ha visitato nelle ultime ore la struttura dove a Brownsville, in Texas al confine col Messico, vengono trattenuti i minori separati dai genitori dopo l’ingresso illegale negli Stati Uniti.

Su Twitter, con una serie di messaggi, Welch descrive il quadro. “La struttura accoglie 1500 ragazzi, è piena. E’ una vergogna”, scrive, contestando in maniera diretta le affermazioni del segretario alla Sicurezza Interna, Kirstjen Nielsen. “Non adottiamo una policy per separare le famiglie al confine. Punto. La narrazione ingannevole”, afferma Nielsen, “è irresponsabile e non produttiva. Come ho già detto tante volte in passato, se cercate accoglienza per la vostra famiglia, non c’è motivo per violare la legge e attraversare illegalmente il confine”.

Welche replica stizzito. “Lei non può dire sul serio – scrive rivolgendosi a Nielsen – sono appena arrivato a Casa Padre a Brownswille con il senatore Jeff Merkley. Qui ci sono 1500 ragazzi, abbiamo visto bambini in gabbie chiuse con catene. Da soli. Non c’è un genitore qui. E’ una vergogna“. “I ragazzi -racconta il deputato in un altro tweet – sono seduti su panchine metalliche, guardano fissi davanti rimanendo in silenzio”.

Immagini analoghe vengono descritte dai giornalisti del Guardian che hanno avuto accesso alla struttura, in una sorta di tour – autorizzato dall’US Border Patrol – nel quale non è stato possibile parlare con i migranti o scattare foto. “Questi ragazzi sono traumatizzati – dice il senatore Merkley – Non ha nessuna importanza se il pavimento venga spazzato e le lenzuola piegate. Sono stati separati dai genitori e sono traumatizzati“.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background