Settineri: “Censimento rom utile se integra”  

Scritto da il 19 giugno 2018

Settineri: Censimento rom utile se integra

(Afp)

Pubblicato il: 20/06/2018 16:05

Il censimento dei rom proposto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini non è una novità a Roma e se fatto nello spirito di “integrare” ha una sua “utilità”. Lo sottolinea Amalia Settineri, procuratore presso il Tribunale per i minori di Roma. “A Roma – afferma Settineri all’Adnkronos – non è la prima volta che si va a fare un censimento nei campi rom. Non è un censimento in negativo: si vanno a capire i bisogni, le criticità, nella speranza di creare ponti tra territori e un’ etnia che non è sempre integrata. Se il comune va con questo intento, non mi sento di dire che è una cosa negativa”. D’altra parte, annota ancora il magistrato, “l’identificazione può servire se è fatta nell’ottica di integrare. Il problema esiste quando non c’è la volontà di integrarsi, quando si sfugge alla legalità per una questione di opportunismo”.

Il procuratore presso il Tribunale per i minori di Roma parla dell’esperienza positiva dell’ufficio creato ad hoc per identificare le famiglie con minori: “Verso i rom c’è una problematica più antica che non è legata ai flussi migratori. E’ un problema di intervento sulle famiglie perché se un ragazzino ruba è perché riceve queste indicazioni dalla famiglia. iI problema si deve affrontare e noi lo affrontiamo nonostante il nostro sia un ufficio piccolo, sottodimensionato rispetto alle esigenze del Lazio. Interveniamo sulle famiglie, facendo un grosso lavoro di identificazione per cui abbiamo creato un ufficio ad hoc che si occupa solo di questo. Non siamo all’anno zero perché lavoriamo proprio sull’ identificazione dei genitori e riusciamo ad intervenire sulle famiglie”.

Settineri, nella Giornata mondiale dedicata ai rifugiati, riflette anche sul dramma dei minori stranieri non accompagnati e snocciola dati sul Lazio che fanno guardare al fenomeno con speranza: “Il Lazio ha dimostrato grandissima sensibilità verso l’accoglienza dei minori non accompagnati. Con un po’ di stupore ho appreso che da parte dei cittadini del Lazio c’è stata una grande adesione. Il Lazio è tra le regioni che hanno raggiunto i maggiori livelli. A dimostrazione che c’è effettivamente un’apertura”.

Il clima di intolleranza sembra però destinato a peggiorare. “Non posso dire – osserva il pm Settineri – che questo clima di avversione si sia registrato nei confronti dei minori. Ragazzi sfuggiti a condizioni di degrado e disperazione, nel Lazio hanno trovato accoglienza”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background