Maradona fa a pezzi Sampaoli  

Scritto da il 22 giugno 2018

Maradona fa a pezzi Sampaoli

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 23/06/2018 12:02

L’ex stella del calcio argentino, Diego Armando Maradona ha espresso tutta la sua frustrazione per la sconfitta subita dal nazionale albiceleste contro la Croazia al Mondiale di Russia 2018 ed ha accusato la federazione e l’allenatore Jorge Sampaoli, per la debacle. “Ho una rabbia che non può essere trasmessa, una grande rabbia interiore perché per chi ha indossato quella maglia non può vederla martoriata da una squadra croata che non è la Germania, non è il Brasile, non è l’Olanda, non è la Spagna, questa è la verità”, ha lamentato Maradona durante il programma “De la mano del Diez”, trasmesso su Telesur.

Maradona ha sottolineato che questa sconfitta “ha un colpevole e il colpevole è il presidente della federcalcio argentina”, ha detto riferendosi a Claudio “Chiqui” Tapia. “L’Afa è gestita da persone che non sanno nulla del calcio”, il che ha portato a improvvisazioni e mancanza di pianificazione che hanno lasciato la squadra alla deriva, ha aggiunto Maradona che a proposito di Sampaoli, ha lamentato che “tutto il mondo” credeva che avrebbe risolto il problema del gioco “con i computer, con i droni, con 14 assistenti, 25 sparring partner”.

“L’Argentina non sa a cosa gioca, non ha nessuna soluzione, vale a dire, sia a centrocampo che in difesa o in attacco, l’Argentina non ha creato un muro, non ha vinto i duelli, non ha giocato il pallone”, ha criticato El Pibe de Oro. L’ex campione del mondo nella Coppa del Mondo in Messico 1986 non ha addossato colpe alla stella Lionel Messi, secondo il quale ha “giocato come ha potuto giocare”, ma i suoi compagni di squadra non gli hanno passato la palla quando si smarcava nè hanno giocato per la stella del Barcellona. “Mentre tutti oggi attaccano Leo, io dico che Leo ha giocato come doveva giocare, come poteva giocare, è difficile risolvere i problemi dei compagni di squadra”, ha detto Maradona.

La sconfitta per mano dei croati ha messo in dubbio le possibilità dell’Argentina di qualificarsi per il secondo turno di Russia 2018. Tuttavia, la Nigeria con la vittoria per 2-0 contro l’Islanda ha lasciato una possibilità alla squadra due volte campione del mondo, che per passare alla fase successiva deve battere proprio la nazionale africana nell’ultima sfida. Nel frattempo, la stampa argentina ha ipotizzato che il ct Sampaoli possa apportare cinque modifiche alla formazione di partenza, a cominciare dall’inserimento del portiere del River Plate, Franco Armani, a discapito di Wilfredo Caballero, che ha commesso un errore madornale che ha causato il primo gol della Croazia.

Secondo quanto riportato dalla stampa, Sampaoli, che nelle sue 13 partite alla guida dell’Argentina ha provato 13 differenti formazioni e 59 giocatori diversi, starebbe anche contemplando oltre a fare cinque modifiche all’undici di partenza anche di passare dal 3-4-3 utilizzato contro la Croazia al 4-3-3 contro la Nigeria.

Maradona ha riconosciuto che Caballero “ha fatto un disastro mondiale”, ma ha detto che “la colpa è solo ed esclusivamente del tecnico” per aver chiamato un portiere come Caballero che ha giocato poco in questa stagione al posto di Sergio Romero che si è comunque infortunato poco prima del Mondiale e aver lasciato Armani in panchina nonostante abbia avuto una stagione eccezionale. Ad ogni modo ‘il Dieci’ ha sostenuto che la vittoria sulla Nigeria può aprire “un’opportunità” all’Argentina di qualificarsi agli ottavi, ma ha anche espresso dei dubbi. “Il problema non è la Nigeria, il problema siamo noi”, ha sentenziato Maradona che ha suggerito di fare “una chiacchierata” con la squadra argentina insieme ad altri componenti della selezione storica, come Claudio Caniggia, Daniel Passarella, Jorge Valdano per “capire cosa vuol dire indossare la maglia della nazionale”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background