Il blitz di Conte  

Scritto da il 26 giugno 2018

Il blitz di Conte

Giuseppe Conte (Afp)

Pubblicato il: 27/06/2018 22:10

Blitz a sorpresa, questa mattina, di Giuseppe Conte nella sala stampa di palazzo Chigi. Dopo le ‘comunicazioni’ alla Camera sull’emergenza migranti in vista del Consiglio europeo, il premier ha voluto visitare le ‘postazioni’ dei giornalisti e fotografi accreditati dalla presidenza del Consiglio, allestite al piano terra e affacciate, in parte, su piazza Colonna. E’ da qualche giorno che Conte sta facendo una sorta di tour del palazzo (una ‘prima in assoluta’ rispetto ai precedenti inquilini) con l’intenzione di ”conoscere tutti i dipendenti che lavorano alla presidenza”, compresi i ‘chigisti’. L’obiettivo è fare squadra ed essere un premier presente.

Il neo presidente del Consiglio del governo giallo-verde ha colto l’occasione per tornare a parlare del caso dell’approdo della nave Lifeline a Malta: ”Io ho favorito questa soluzione, era questo lo sbocco che avevo auspicato, stiamo cercando di far cambiare l’approccio, come ho detto oggi alla Camera e come ribadirò al Consiglio europeo”. Dal giorno dell’insediamento, ovvero del giuramento al Colle, Conte ha preso possesso del suo studio al primo piano, nell’area più antica di palazzo Chigi, quella degli appartamenti Aldobrandini-Deti, risalenti al ‘500, con le finestre che si affacciano su piazza Colonna e via del Corso.

E da allora molte volte (quando ha dovuto lavorare fino a tardi) è rimasto anche a dormire nell’appartamento di servizio a lui riservato, al terzo piano.”Di solito pernotta a palazzo Chigi 4-5 giorni su sette, perché preferisce trascorrere i week end in famiglia, a Roma, quando non è fuori per impegni di governo”, fanno sapere dal suo entourage.

Quanto alla ‘geografia interna’, ovvero alla distribuzione delle stanze nella sede del governo, sempre al primo piano, ma nell’ala opposta a quella dell’ufficio del presidente del Consiglio, ha trovato sistemazione Giancarlo Giorgetti, ‘vice’ di Salvini e fresco sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport. Considerato il ‘Gianni Letta padano’, Giorgetti lavora nella stessa stanza che fu dello storico braccio destro di Silvio Berlusconi durante i quattro governi del Cav. Lo stesso ufficio utilizzato da Romano Prodi e Bettino Craxi quando erano premier.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background