Lavoro: Randstad, 42% professionisti Hr chiede imprese più collaborative  

Scritto da il 26 giugno 2018

Randstad, 42% professionisti Hr chiede imprese più collaborative

Pubblicato il: 27/06/2018 12:54

L’80% delle imprese italiane deve fare i conti con una carenza di competenze al proprio interno e a questo problema sono legate le principali sfide indicate dai professionisti Hr: per il 2018 puntano soprattutto a far crescere le performance e la produttività (indicata dal 57% dei professionisti Hr), trattenere i dipendenti più qualificati (55%), attirare i migliori talenti sul mercato per le successive fasi di crescita (54%). Per affrontare queste sfide, oltre quattro imprese italiane su dieci (44%) avvertono la necessità di un’evoluzione della propria struttura organizzativa e il 42% guarda con interesse a un modello di organizzazione partecipata e circolare, che comporta la rinuncia a gerarchie rigide in favore di un progressivo ridimensionamento delle differenze di ruolo e una maggiore propensione al confronto orizzontale, all’autonomia e alla responsabilizzazione dei dipendenti.

Sono alcuni dei risultati dell’Hr Trends and Salary Report 2018, realizzato da Randstad Professionals, la divisione specializzata del gruppo Randstad, secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, che si occupa della ricerca e selezione di middle, senior e top management, in collaborazione con l’Alta Scuola di psicologia ‘Agostino Gemelli’ (Asag) dell’Università Cattolica di Milano. L’indagine è stata condotta sulla base di interviste – condotte da Praxidia, società specializzata in ricerche di mercato e consulenza nella gestione della customer experience – eseguite tra febbraio e aprile 2018 a 283 professionisti e dirigenti dei dipartimenti Hr di aziende italiane di diversi settori. La ricerca ha analizzato le tendenze e gli sviluppi del settore delle risorse umane e dei processi di selezione in Italia.

Sono già otto su dieci le realtà che conoscono o sono interessate a utilizzare questo modello in futuro, mentre in quasi un’impresa su due sono nati processi partecipativi circolari spontanei e strutturati (il 45%), di cui circa la metà ha messo a disposizione spazi fisici e ore dedicate a queste iniziative. Un approccio che promuove una responsabilità diffusa e un nuovo modo di valutare l’errore sul posto di lavoro, che ben il 44% delle aziende non vede più come un danno ma come una fonte di apprendimento e miglioramento.

Ma l’applicazione concreta di una struttura organizzativa circolare e partecipata stenta ancora a diffondersi: è presente in appena il 4% delle aziende. Soltanto quattro realtà su dieci, inoltre, stanno mettendo in campo iniziative per modificare il proprio modello organizzativo e solo il 6% si sta muovendo verso un modello circolare. La responsabilità diffusa necessita, poi, di un management con competenze diverse, in grado di ispirare fiducia e motivare i dipendenti, e infatti la competenza motivazionale è quella più richiesta ai leader (indicata dal 62% degli Hr professionals), ma solo un manager su quattro possiede questa abilità e il sentimento prevalente fra quadri e dipendenti è la paura (13%).

“Dall’indagine – commenta Marco Ceresa, amministratore delegato di Randstad Italia – emerge un forte bisogno di cambiamento da parte delle imprese, che però nella maggior parte dei casi restano ancora legate a modelli organizzativi tradizionali. L’organizzazione partecipata e circolare, infatti, si presenta come un trend solo potenziale, non ancora largamente applicato, ma che inizia a essere preso in considerazione. Passare da un modello gerarchico a una struttura circolare è una transizione obbligata per le aziende che vogliono prosperare, perché una forza lavoro deresponsabilizzata, priva di autonomia, che esegue direttive calate dall’alto e non condivise, ha un impatto fortemente negativo sulle performance e sulla capacità di innovare delle imprese”.

“La valorizzazione dei processi circolari e partecipati fra i professionisti – afferma Caterina Gozzoli, direttore dell’Alta Scuola in Psicologia ‘A. Gemelli’ dell’Università Cattolica – è un aspetto ancora sottostimato in Italia. Dalla ricerca, infatti, emerge che nella quasi totalità delle aziende mancano tempi e luoghi in cui far circolare informazioni, idee e ipotesi progettuali, ma soprattutto in cui condividere il senso degli oggetti di lavoro. Allo stesso tempo, è evidente la carenza e la desiderabilità di un’organizzazione più circolare, i cui manager non abbiano paura dei processi partecipativi e del conflitto e si fidino dei collaboratori, che a loro volta possano portare idee e contributi conoscitivi. Ancora, emerge una specifica cultura aziendale che stenta a considerare l’errore parte inevitabile del processo di crescita professionale e organizzativo”.

Il modello organizzativo più diffuso nelle aziende italiane è quello divisionale (adottato dal 34% del campione), nel quale la struttura aziendale è divisa in base alle linee dei vari prodotti o alle zone geografiche di competenze delle varie divisioni aziendali o ancora ai clienti a cui sono destinati prodotti e servizi. Seguono il modello gerarchico (24%), tipico delle imprese di piccole dimensioni in cui la maggior parte delle funzioni è accentrata nelle mani dell’imprenditore, il modello funzionale (22%), nel quale ogni unità organizzativa svolge una particolare funzione ed emana direttive di propria competenza alle altre unità dell’impresa, e il modello a matrice (16%), una struttura elastica che integra i vantaggi della divisione per funzioni e quelli della divisione per prodotti, progetti o aree geografiche. Chiude, infine, il modello circolare, adottato appena dal 4% del campione analizzato, prevalentemente nei settori manifatturiero/industria (40%), computer/servizi software/Internet (30%), trasporti e logistica (10%) e marketing e pubblicità (10%).

Il 44% dei professionisti Hr intervistati ritiene, dunque, necessario un cambiamento organizzativo dell’impresa in cui lavora, con lo stile di leadership che spicca fra le aree di intervento prioritarie (indicato dal 65% del campione), seguito dalla modalità di lavoro (43%), l’approccio al mercato (29%) e le strategie di accompagnamento dei singoli lavoratori (27%). Una quota di poco inferiore, il 40%, si sta muovendo verso un nuovo modello organizzativo, con una propensione più marcata verso i modelli funzionale (13%) e a matrice (10%), seguiti dai modelli divisionale (6%), circolare (6%) e gerarchico (5%).

Il modello circolare attira l’interesse del 42% dei professionisti Hr, che ritiene che un’organizzazione partecipata e circolare contribuisca a migliorare efficacia, produttività e competitività aziendali e che se ne dovrebbe valutare l’applicazione nella realtà in cui lavorano. Ma soltanto poco più di uno su quattro ha una conoscenza approfondita dell’argomento, con il 10% che conosce nei dettagli gli aspetti teorici e pratici e il 16% che lo ha sperimentato direttamente sul posto di lavoro, oltre uno su due ne ha soltanto sentito parlare (54%), mentre il 20% non ne sa nulla. E le percentuali scendono ulteriormente se si analizza il grado di applicazione di questa tipologia di organizzazione: è presente soltanto nel 4% delle imprese, il 13% sta lavorando per introdurla, il 27% ha manifestato interesse ma non ha ancora avviato progetti concreti e ben il 56% non ha alcun interesse a procedere in questa direzione.

Nonostante l’esiguo numero di realtà che hanno adottato il modello circolare, nel 45% delle aziende del campione si sono comunque sviluppati singoli processi partecipativi e circolari spontanei e strutturati, che nel 27% dei casi si sono originati spontaneamente, mentre nel restante 18% sono stati attivati dalle direzioni Hr. Processi per i quali sono stati messi a disposizione spazi fisici all’interno (nel 54% dei casi) o all’esterno dell’azienda (2%), oppure sono stati predisposti spazi virtuali all’interno dei sistemi informativi aziendali (21%), mentre nel 45% di queste realtà sono state previste delle ore dedicate allo sviluppo di questi processi. In quasi due imprese su tre (63%), i risultati di queste iniziative sono stati recepiti positivamente.

Cambiare il modello organizzativo in senso partecipato e circolare richiede la presenza di determinate condizioni e caratteristiche all’interno dell’azienda: la prima condizione indicata dai professionisti Hr è la fiducia nel capo, nella struttura e nei colleghi (secondo il 45% del campione), seguita dalle presenza di un management con competenze diverse (41%) e dalla propensione a un maggiore investimento emotivo (33%). Quasi uno su tre, inoltre, ritiene che un’organizzazione circolare sia un buon metodo per motivare le risorse interne (31%) e che favorisca autonomia e responsabilità, consentendo a tutti i lavoratori di crescere professionalmente (31%).

Tra i fattori più importanti che potrebbero contribuire a costruire un’organizzazione partecipata e circolare, invece, si collocano al primo posto la conoscenza, la condivisione e la collaborazione (34%), seguita dalla fiducia diffusa fra i dipendenti (17%), dalla presenza di una strategia di gestione del cambiamento (8%), dalla flessibilità organizzativa (7%) e dalla fiducia nell’organizzazione (6%).

Dalla ricerca emerge anche un consistente divario fra le aspettative dei responsabili delle risorse umane riguardo al proprio ruolo e l’effettivo riconoscimento che delle proprie responsabilità in azienda. Oltre due direttori Hr su tre (68%), infatti, ritengono che dovrebbero ricevere l’incarico di promuovere e generare concretamente i processi di cambiamento organizzativo, ma soltanto il 33% pensa di avere un effettivo potere decisionale in questo ambito e meno della metà è soddisfatto del suo ruolo in azienda (47%). Per incidere di più sui processi organizzativi, secondo il campione intervistato, è indispensabile che le direzioni Hr siano più coinvolte nelle decisioni strategiche (31%) e più focalizzate sul business (18%).

La ricerca ha anche indagato gli strumenti utilizzati dai dipartimenti Hr nelle attività aziendali. In quasi otto realtà su dieci è presente la certificazione di qualità, con il 55% che la considera un utile strumento per migliorare i processi e il 24% che invece pensa che sia solo un atto formale. Presenti in meno di un’impresa su due, invece, la exit interview (42%), le analisi di clima interno (43%) e i percorsi formativi (39%).

Passando dagli strumenti agli aspetti che dovrebbero essere migliorati per incrementare le performance aziendali, si colloca in prima posizione la comunicazione regolare degli obiettivi comuni (indicata dal 67% dei professionisti Hr), seguita dall’atteggiamento risolutivo verso le criticità per evitare che insorga frustrazione interna (62%), dalla spinta ad assumersi la responsabilità della decisione finale per non rallentare i processi (56%), dalla semplificazione della burocrazia aziendale (51%) e dalla riduzione e razionalizzazione delle riunione interne (48%).


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background