Firenze, aggredito da tre uomini perché gay  

Scritto da il 2 luglio 2018

Firenze, aggredito da tre uomini perché gay

(Facebook /Potere al Popolo)

Pubblicato il: 03/07/2018 20:02

E’ stato offeso, strattonato e spinto a terra perché gay. Lo denuncia Salvatore, un giovane fiorentino che su Facebook ha raccontato di essere stato vittima lunedì mattina di un’aggressione omofoba da parte di tre uomini. “Questo è solo un avvertimento”, gli hanno urlato prima di fuggire via. Salvatore ha aggiunto al post due foto che mostrano i lividi dell’aggressione.

“Volevo raccontarvi una storia – scrive il ragazzo nel post -. S. va al mercato di sant’Ambrogio per comprare delle verdure fresche. Incontra tanta gente e quell’aria di quartiere popolare d’altri tempi ormai a macchia di leopardo nella gentrificata Firenze. S. ha deciso di indossare una maglietta raffigurante una stella e una borsa di cotone con la bandiera libertaria, come milioni di altre volte aveva fatto. Sulla strada del ritorno, in via de pepi viene raggiunto da una voce che recita: “Brutta zecca di merda, frocio del cazzo, li hai comprati i cetrioli?” S si gira pensando alla burla di un amico o un conoscente, ma non vede nessuno e, stranito, torna sui suoi passi”.

“3, 4, 5 passi più tardi – continua Salvatore – la stessa voce. S si guarda intorno e si accorge di esser seguito da 3 forse 4 persone sconosciute, ma poco carine. S urla impaurito: “cosa volete da me?”.Come finisce? Le merde raggiungono S, che si ritrova in una frazione di secondo in terra spintonato dal più grosso e con la promessa da parte di uno di loro: “Questo è solo un’avvertimento”. S – conclude – sono chiaramente io”.

Il post del ragazzo è poi stato condiviso anche nella pagina Facebook di Potere al Popolo, che ha denunciato l’episodio “vile, che è un po’ la spia di questi tempi: in un clima politico pompato dall’alto, basato sull’odio per il diverso, in cui i veri problemi restano sullo sfondo, non c’è da stupirsi se quattro esaltati decidono di esprimere la loro esistenza politica in questo modo”, esprimendo piena solidarietà al ragazzo e invitando “tutti/e a seguire gli sviluppi della vicenda e a partecipare alle iniziative che metteremo in campo”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background