“Fegato illegale” per Abidal, caso archiviato  

Scritto da il 3 luglio 2018

Fegato illegale per Abidal, caso archiviato

Eric Abidal (Ipa/Fotogramma)

Pubblicato il: 04/07/2018 16:58

La giustizia spagnola ha archiviato l’inchiesta su un presunto “acquisto illegale” da parte del Barcellona di un fegato per il calciatore francese Eric Abidal, malato di cancro e operato nel 2012. Il Tribunale Superiore di Giustizia di Catalogna ha spiegato di avere ricevuto un anno fa una segnalazione al riguardo dalla procura ma che dopo una serie di verifiche il 18 aprile del 2018 è stata disposta l’archiviazione dopo che era stata anche avviata una rogatoria in Francia che non ha ravvisato nulla di punibile per come sono stati descritti i fatti”.

Il Barcellona ha subito smentito la notizia apparsa sulla stampa spagnola relativa all’acquisto illegale di un fegato per il difensore. “Dopo le informazioni pubblicate oggi in relazione al trapianto effettuato su Eric Abidal, l’FC Barcelona – si legge in una nota – nega categoricamente ogni irregolarità”. La dichiarazione poi continua: “L’onore di Abidal e della fondazione che ha creato dopo il suo trapianto non può essere messo in dubbio”.

Ad Abidal è stato diagnosticato un cancro al fegato nel 2011. Nel 2012 ha avuto un trapianto di fegato. Il sito di notizie spagnolo El Confidencial ha affermato che erano trapelate delle intercettazioni telefoniche che suggerivano che il Barcellona aveva acquistato il fegato per Abidal illegalmente nonostante avesse affermato che il giocatore aveva ricevuto un organo donato da suo cugino Gerard. El Confidencial ha detto che la polizia ha intercettato quattro telefonate di Sandro Rosell, che all’epoca era presidente del club. Rosell è sotto inchiesta per riciclaggio di denaro sporco ed è stato arrestato in Spagna dal maggio 2017.

La Fondazione Eric Abidal, a nome suo e dello stesso giocatore, ha riferito che “l’intero processo riguardante” il trapianto di fegato dell’ex giocatore “ha seguito le procedure e i protocolli stabiliti“. Attraverso una dichiarazione inviata all’EFE, nega “categoricamente” le informazioni diffuse sulle irregolarità nel trattamento della sua malattia. “La Fondazione Eric Abidal si rammarica del fatto che l’onestà di tutti coloro che sono coinvolti nel processo sia messa in discussione, al cui Eric Abidal professa grande ammirazione ed enorme gratitudine, specialmente al donatore, suo cugino Gerard”, ha affermato la Fondazione, dopo le rivelazioni di El Confidencial.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background