Vaccini e scuola, basterà l’autocertificazione  

Scritto da il 4 luglio 2018

Vaccini e scuola, basterà l'autocertificazione

Conferenza stampa ministri Giulia Grillo (Salute) e Marco Bussetti (Miur)

Pubblicato il: 05/07/2018 13:28

Basterà una dichiarazione sostitutiva di vaccinazione per la prima iscrizione alla scuola dei bambini dai 0 ai 6 anni. In caso di piccoli fra 6 e 16 anni, dunque non per la prima iscrizione, resta valida la certificazione presentata per l’anno scolastico 2017-2018 se il minore non deve effettuare nuovi vaccini o richiami. Ad annunciarlo il ministro della Salute, Giulia Grillo, in conferenza stampa oggi a Roma (nella foto) con il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

La modifica delle regole avverrà con una circolare interministeriale, che depotenzia dunque l’obbligo di presentare la documentazione che comprova le vaccinazioni entro il 10 luglio, termine che diventa “non perentorio” ha assicurato Grillo. Si prevede, però, che l’autocertificazione dovrà essere presentata comunque entro l’inizio dell’anno scolastico, a settembre.

La circolare emanata dal ministero della Salute e del Miur non tocca l’aspetto dell’obbligatorietà delle vaccinazioni, che sarà tema di dibattito parlamentare. E’ quanto evidenziato da Giulia Grillo.

“Con questa circolare abbiamo chiarito che anche quest’anno la mancata presentazione della documentazione non comporta la decadenza” del diritto a frequentare la scuola. “La maggioranza sta lavorando a una proposta di legge e per questa ci vuole tempo, in modo da fare le cose bene. In pochi giorni questo è quello che si è potuto fare”, ha chiarito Grillo.

“La gran parte dei cittadini ha dubbi legittimi che non sono stati sciolti dalle istituzioni sui tempi di somministrazione dei vaccini, sul loro numero. Sono dubbi di chi si preoccupa del proprio bambino. Queste situazioni si risolvono solo con informazioni e con servizi vaccinali non ridotti allo stremo”, ha aggiunto in conferenza stampa.

“Purtroppo nella sanità si e’ investito sempre meno e questa situazione si risolverà facilmente cambiando rotta. Le posizioni più estreme riguardano una piccolissima fetta di popolazione e lo dimostra il tasso di adesione alle vaccinazioni”.

“In alcuni casi” ha precisato il ministro Grillo, si potrà anche solo autocertificare di aver preso l’appuntamento con la Asl per effettuare la vaccinazione, e dunque non di averla già eseguita. “Chiaramente – ha ribadito il ministro – non bisogna fare certificazioni false, perché altrimenti si incorre nelle conseguenze previste dalla legge. Se ci sono dei genitori che hanno dei dubbi si rivolgano alle istituzioni, anche a noi, siamo disponibili a risolverli. Questa è la via da seguire: informarsi ed essere sereni sul fatto che i vaccini sono sicuri”. Si prevede comunque di fare dei controlli a campione per verificare la regolarità delle autocertificazioni.

“Guardate – ha evidenziato Grillo – che il problema di produrre la documentazione vaccinale è un problema reale e pratico, le Asl sono in affanno. Abbiamo ribadito il principio che anche se entro il 10 luglio non si è prodotta, si potrà fare successivamente”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background