Ronaldo, fenomenologia di un campione  

Scritto da il 5 luglio 2018

Ronaldo, fenomenologia di un campione

(AFP)

Pubblicato il: 06/07/2018 14:17

Record, solidarietà, vittorie, passione, famiglia: in una parola, CR7. Mentre la Torino bianconera è in fibrillazione, la stampa spagnola continua a dare per certo il passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Una scelta legata al calore che, in più occasioni, i tifosi della Vecchia Signora gli hanno dimostrato, alle ambizioni europee della squadra di Allegri e al rispetto che il club torinese ha dimostrato nei suoi confronti. Cosa che, secondo quanto raccontato dalla stampa spagnola, il campione portoghese non ha più trovato a Madrid, viste le difficoltà dei rapporti con il presidente dei blancos, Florentino Perez.

Quindi, Juve. Una squadra che andrebbe così ad aggiungersi agli altri grandi club europei che possono dire di aver avuto l’attaccante dei record nella propria rosa. La carriera di CR7 comincia a 7 anni nella Andorinha, squadra in cui il padre fa il magazziniere (tra il 1993 e il ’95). Poi, dopo la cosiddetta gavetta nelle categorie inferiori del Nacional (1995-97) e in quelle dello Sporting Lisbona (1997-01), nel 2001 passa nella prima squadra dello Sporting dove esordisce durante una gara contro l’Inter, valevole per il terzo turno preliminare della Champions League 2002-2003. Nel 2003 passa al Manchester United per 12 milioni di sterline, diventando il teenager più costoso nella storia del calcio inglese, dove resta fino al 2009. Anno del trasferimento al Real Madrid, che lo presenta ufficialmente il 6 luglio allo stadio Santiago Bernabéu davanti a 80.000 tifosi. Nei blancos ha inizialmente la maglia numero 9. Poi, in seguito all’addio al club di Raul, sceglie di indossare la ‘sua’ mitica 7.

Nel palmares di Cristiano Ronaldo Dos Santos Aveiro, questo il suo nome completo, ci sono trofei a non finire tra cui cinque UEFA Champions League, quattro Coppe del Mondo per club (2008, 2014, 2016, 2017), tre Supercoppe europee, due Coppe della Liga, due Coppe del Re e due Supercoppe spagnole. E ancora, ha vinto due volte la Liga spagnola e tre volte il campionato inglese di fila (2006, 2007, 2008). Poi una Coppa d’Inghilterra e due Coppe di Lega inglesi, assieme a due Supercoppe, sempre in Inghilterra.

PALLONE D’ORO – Con la nazionale del Portogallo, di cui è capitano, Cristiano Ronaldo ha vinto un campionato d’Europa (2016) e una Confederations Cup (2017). CR7 è comparso inoltre ininterrottamente nella classifica del Pallone d’oro dal 2004, vincendolo per cinque volte (2008, 2013, 2014, 2016 e 2017). Un record che condivide con Lionel Messi. Ha anche vinto il ‘FIFA World Player of the Year’ nel 2008, il ‘UEFA Men’s Player of the Year’ nel 2014, 2016 e 2017 e il ‘Best FIFA Men’s Player’ nel 2016 e 2017.

LA FAMIGLIA – Nato a Funchal il 5 febbraio 1985 da Maria Dolores dos Santos e José Dinis Aveiro, ha un fratello Hugo e due sorelle, Elma e Liliana Cátia. Famiglia numerosa, come quella che ha costruito nel corso del tempo. Ronaldo è padre di quattro figli. L’ultima nata, il 12 novembre 2017, è Alana Martina, avuta dalla compagna Georgina Rodriguez. Pochi mesi prima era diventato papà di due gemelli, Eva e Matteo, nati l’8 giugno 2017 in America da madre surrogata. Risale invece al luglio 2010 la nascita del suo primogenito, di cui ha assunto la custodia senza rivelare il nome della madre.

LA SOLIDARIETA’ – Ed è proprio in difesa dei bambini che Cristiano Ronaldo diventa ambasciatore per ‘Save The Children’, prestando volto e visibilità nelle campagne per mettere in luce i problemi dei bimbi rifugiati e dei piccoli di tutto il mondo. Secondo quanto riporta Wikipedia, inoltre, “nel 2012 ha venduto all’asta la Scarpa d’oro ottenuta l’anno precedente, destinando il ricavato – un milione e mezzo di euro – al finanziamento di scuole per i bambini di Gaza; nel febbraio 2013 ha consegnato un assegno di 100.000 euro ricevuto dalla UEFA al Comitato Internazionale della Croce Rossa; nel marzo 2014 ha donato a una famiglia spagnola 70.000 euro per finanziare completamente le cure di un bambino affetto da una malattia al cervello”.

GLI AMORI – Solidarietà, quindi. Famiglia, naturalmente. E, in passato, gossip e rumors sulle fidanzate. Tra queste, la più conosciuta è probabilmente la modella Irina Shayk. Nel 2015, dopo la rottura con l’ex angelo di Victoria’s Secret, la stampa britannica ha parlato di una frequentazione con una modella italiana, tra voci e smentite. Amori e fidanzamenti che, ad ogni modo, non hanno mai distratto Cristiano Ronaldo dalla sua tenacia nell’inseguire risultati attraverso lavoro e allenamento.

I RECORD – A testimonianza di questo, i tantissimi record che il portoghese ha ottenuto, tra cui il fatto di essere l’unico calciatore ad aver vinto nello stesso anno solare Champions League, Europeo, Mondiale per club e Pallone d’oro. Ma anche ad aver vinto, nello stesso anno solare, Pallone d’oro, FIFA World Player of the Year, Scarpa d’oro e UEFA Club Footballer of the Year. Unico calciatore, insieme a Lionel Messi, ad aver vinto la Scarpa d’oro per quattro volte e uno dei tre calciatori, insieme a Thierry Henry e ancora Messi, ad aver vinto la Scarpa d’oro per due stagioni consecutive (2013-2014 e 2014-2015).

LA NAZIONALE – Inoltre è uno dei due calciatori, con Luis Suárez, ad aver vinto la Scarpa d’oro in due campionati differenti (Premier League e Liga) e ancora l’unico ad aver realizzato più di 50 gol stagionali in sei stagioni consecutive (2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015). Dal punto di vista della Nazionale, è l’unico calciatore ad aver segnato almeno una rete in quattro Europei e quattro Mondiali consecutivi (Euro 2004, Mondiali 2006, Euro 2008, Mondiali 2010, Euro 2012, Mondiali 2014, Euro 2016, Mondiali 2018).

LA COPPA DEL MONDO – Come Miroslav Klose, Pelè e Uwe Seeler, è l’unico ad aver segnato in quattro edizioni diverse della Coppa del Mondo (2006, 2010, 2014, 2018) e il calciatore che ha segnato più gol (85) in una nazionale europea e anche il giocatore che ha segnato più gol (121) nella UEFA Champions League, dove ha anche vinto per sette volte la classifica marcatori (2007, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017) e dove è l’unico che ha realizzato più doppiette (34) e – assieme a Messi – ad aver realizzato più triplette.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background