Come sono stati salvati  

Scritto da il 8 luglio 2018

Come sono stati salvati

(Foto Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 09/07/2018 10:15

Quattro ragazzi sono stati messi in salvo, ma la Thailandia resta con il fiato sospeso per gli altri 8 e il loro coach, Ake, ancora intrappolati nella grotta di Tham Luang. La missione di salvataggio, come si legge sul ‘Mail online’, punta in queste ore a tirar fuori altri 4 membri dei ‘Wild Boars’ (‘I cinghiali selvatici’): gli ultimi 4, più forti, e l’allenatore dovranno aspettare ancora. Nel frattempo i sub hanno iniziato a posizionare nuovi serbatoi di ossigeno lungo il percorso attraverso il quale avviene il salvataggio.

A condurre il nuovo salvataggio saranno gli stessi sommozzatori esperti, che conoscono già il tunnel e sanno come muoversi. Indossando maschere integrali, i ragazzi – scortati durante il tragitto da due soccorritori – hanno nuotato attraverso chilometri di tunnel di 3.2 km, fangoso e frastagliato, per tre ore e mezza.

Il primo a uscire è stato Monhkhol ‘Mark’ Boonpiam, 13 anni, seguito da Prajak ‘Note’ Sutham. Poi è stato il turno di Nattawoot Thakamsai, 14enne che soffre di asma: i suoi genitori hanno già perso una figlia per un cancro. Alla fine è uscito Pipat Bodhu, 15 anni, alias Nick, che non fa parte della squadra ma si trovava lì perché amico del portiere.

Attraversare il tunnel non è stato semplice. “I soccorritori hanno nuotato attraverso la grotta tenendo i ragazzi sotto ai loro corpi”, ha detto Narongsak Osotthanakorn, il governatore della provincia del nord della Thailandia in cui sono in corso le operazioni di salvataggio. Si ritiene che i sub abbiano dovuto staccare i loro serbatoi di ossigeno per poter attraversare alcuni dei tratti più stretti, si legge sull”Indipendent’.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Come sono stati salvati  

Scritto da il 8 luglio 2018

Come sono stati salvati

(Foto Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 09/07/2018 10:15

Quattro ragazzi sono stati messi in salvo, ma la Thailandia resta con il fiato sospeso per gli altri 8 e il loro coach, Ake, ancora intrappolati nella grotta di Tham Luang. La missione di salvataggio, come si legge sul ‘Mail online’, punta in queste ore a tirar fuori altri 4 membri dei ‘Wild Boars’ (‘I cinghiali selvatici’): gli ultimi 4, più forti, e l’allenatore dovranno aspettare ancora. Nel frattempo i sub hanno iniziato a posizionare nuovi serbatoi di ossigeno lungo il percorso attraverso il quale avviene il salvataggio.

A condurre il nuovo salvataggio saranno gli stessi sommozzatori esperti, che conoscono già il tunnel e sanno come muoversi. Indossando maschere integrali, i ragazzi – scortati durante il tragitto da due soccorritori – hanno nuotato attraverso chilometri di tunnel di 3.2 km, fangoso e frastagliato, per tre ore e mezza.

Il primo a uscire è stato Monhkhol ‘Mark’ Boonpiam, 13 anni, seguito da Prajak ‘Note’ Sutham. Poi è stato il turno di Nattawoot Thakamsai, 14enne che soffre di asma: i suoi genitori hanno già perso una figlia per un cancro. Alla fine è uscito Pipat Bodhu, 15 anni, alias Nick, che non fa parte della squadra ma si trovava lì perché amico del portiere.

Attraversare il tunnel non è stato semplice. “I soccorritori hanno nuotato attraverso la grotta tenendo i ragazzi sotto ai loro corpi”, ha detto Narongsak Osotthanakorn, il governatore della provincia del nord della Thailandia in cui sono in corso le operazioni di salvataggio. Si ritiene che i sub abbiano dovuto staccare i loro serbatoi di ossigeno per poter attraversare alcuni dei tratti più stretti, si legge sull”Indipendent’.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background