Polemica sui migranti tra Spataro e Salvini  

Scritto da il 8 luglio 2018

Polemica sui migranti tra Spataro e Salvini

(Afp)

Pubblicato il: 09/07/2018 21:36

“Se per assurdo un barcone di immigrati attraccasse ai Murazzi del Po, nessuno potrebbe vietare alle persone a bordo di scendere. Se questo dovesse accadere noi faremmo accertamenti”. Così il procuratore capo di Torino, Armando Spataro che illustrando le nuove direttive in tema di discriminazione e odio razziale, ha spiegato: “la convenzione di Ginevra del 51 prevede il diritto al non respingimento, il che significa che se arriva un immigrato e chiede asilo politico non può essere espulso, allontanato o non accettato perché ha diritto a veder vagliata la sua richiesta da un organo giurisdizionale”.

“Se, dunque per ipotesi, un barcone arrivasse ai Murazzi toccherebbe fare accertamenti per verificare questo barcone chi conteneva, da dove è arrivato, cosa chiedevano gli occupanti , cosa è accaduto. Non si può scegliere bianco o nero senza conosce in profondità i dettagli della vicenda. Occorre attenzione, non si può respingere tout court un immigrato che chiede ospitalità e asilo”.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini replica così: “Forse il procuratore capo di Torino pensa che l’intera Africa possa essere ospitata in Italia? Idea bizzarra”. “Bloccare i porti ai trafficanti non è un diritto ma un dovere – aggiunge poi -. Se qualcuno la pensa diversamente può presentarsi alle elezioni e chiedere cosa ne pensano gli italiani”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Prossimo Articolo

Aumenta il debito  


Thumbnail

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background