Alitalia, Di Maio: “Puniremo i responsabili”  

Scritto da il 10 luglio 2018

Alitalia, Di Maio: Puniremo i responsabili

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 11/07/2018 16:16

“Su Alitalia il governo sta analizzando tutte le informazioni economiche perché prima di tutto vogliamo individuare e chiedere di punire i responsabili della situazione attuale“. Così il ministro dello Sviluppo e del Lavoro, Luigi Di Maio, nel corso dell’audizione davanti alle commissioni Industria e lavoro del Senato. “Dopo si valuterà la strada da percorrere, sulla base anche di una spending review seria all’interno di quella azienda”, ha poi aggiunto smentendo allo stesso tempo le indiscrezioni in merito a una cordata per Alitalia dove figurerebbe anche Fsogni genere di cose su questo: “Sono le solite fake news che stanno sui giornali”.

Per punizione Di Maio intende, ha spiegato ancora, “promuovere un”azione di responsabilità su quei manager che in questi anni hanno utilizzato Alitalia come un bancomat”. “Una volta capito questo, abbiamo capito anche come si è sprecato e come si può risanare l’azienda. L’obiettivo non è svendere l’azienda ma lanciarla e per rilanciarla noi siamo aperti ad ogni tipo di soluzione che salvaguardi il brand Alitalia”, ha proseguito. “Abbiamo un’opportunità perché in questo momento grazie alla conversione del decreto Alitalia i parlamentari hanno inserito una norma che impone la pubblicazione di tutti i piani finanziari ed economici. Quello è il primo passo per vedere lo storico di tutto quello che è avvenuto in Alitalia, soprattutto le responsabilità del passato”.

“Su Alitalia ci sono tanti scenari di vendita”, ha detto ancora Di Maio ribadendo che “il tema non è svenderla ma capire se la stiamo vendendo per farla funzionare o la stiamo vendendo per far ottenere qualche rotta in più a qualcun’altro”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background