Conte: “In autunno vertice sulla Libia in Italia”  

Scritto da il 11 luglio 2018

Conte: In autunno vertice sulla Libia in Italia

Foto di repertorio (Afp)

Pubblicato il: 12/07/2018 16:01

Stiamo organizzando una conferenza in autunno sulla Libia” in Italia, per dare un “seguito a quella di Parigi, per coinvolgere tutti gli attori e i Paesi” che “a qualunque titolo possono dare un contributo”, quindi “anche gli Usa”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in conferenza stampa al termine del summit della Nato a Bruxelles.

Il premier ha inoltre fatto sapere che sta “mettendo a punto una lettera a Jean-Claude Juncker e Donald Tusk perché sia data attuazione” alle conclusioni del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno in materia di gestione dei flussi migratori”. “Nella lettera chiederò anche che questa missione internazionale”, EuNavFor Med o Sophia, sia adeguata ai contenuti delle conclusioni” del Consiglio europeo, ha sottolineato aggiungendo: “D’ora in poi qualsiasi attività” delle missioni Ue nel Mare Mediterraneo dovrà conformarsi ai principi che sono stati condivisi a 28″. “Certo – ha aggiunto Conte – che c’è stato un ‘faccia a faccia’ con Angela Merkel. Abbiamo fatto una riflessione soprattutto sull’immigrazione e su qualche altro tema che all’Italia sta a cuore, come la possibilità di programmare investimenti produttivi in sede europea con un riconoscimento sul piano contabile. Soprattutto abbiamo parlato di immigrazione. Abbiamo delle conclusioni in cui abbiamo affermato dei principi: ora bisogna passare dagli scritti ai fatti”.

Nato, “no impegni di spesa aggiuntivi per Italia” – Il governo italiano in carica “ha ereditato gli impegni di spesa per la Nato” dalle amministrazioni precedenti, “impegni di spesa che non abbiamo alterato”. Non è quindi prevista alcuna “spesa aggiuntiva. Non abbiamo offerto ulteriori contributi rispetto a quanto preventivato da tempo”, ha puntualizzato Conte. Si tratta, ha continuato, di un “problema complesso. Ve lo posso riassumere: c’è un Defence investment pledge varato nel Galles nel 2014, che era articolato su tre livelli. Non c’è solo il contributo di ciascun singolo Paese” in termini economici, “ma anche la partecipazione e i contributi alle missioni. Puntiamo a valorizzare questo contributo”. “Il problema posto da Trump, comunque – ha aggiunto il premier – innanzitutto esiste. Nel momento in cui gli Usa dicono che contribuiscono in eccessivamente gravoso per la loro nazione” alla difesa comune “dicono una cosa che corrisponde alla realtà”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background