Mediobanca, ricavi al massimo storico e alza cedola  

Scritto da il 31 luglio 2018

Mediobanca, ricavi al massimo storico e alza cedola

Pubblicato il: 01/08/2018 16:26

Risultati superiori al consensus e ricavi al massimo storico per Mediobanca nell’esercizio chiuso al 30 giugno. L’utile netto ammonta a 863,9 milioni, in aumento del 15,2% rispetto allo scorso anno e i ricavi si attestano a 2,4 miliardi (+10%). La performance riflette il positivo andamento di tutte le divisioni e in particolare del credito al consumo e il progressivo consolidamento del wealth management. La solidità̀ patrimoniale si rafforza con il Common Equity Tier1 Ratio che passa dal 13,3% al 14,2% “anche per effetto dell’introduzione, a partire dal marzo scorso, dei modelli interni per il calcolo degli Rwa sui portafogli Cib-large corporate”, con un beneficio complessivo di circa 140 punti base.

Il risultato operativo supera il miliardoe anticipa i target del piano: post rettifiche su crediti, cresce nell’esercizio del 23,6% (da 855,2 a 1.057 milioni), raggiungendo con un anno di anticipo il target di un miliardo posto dal piano al 2019. L’esercizio 2017-2018 ha mostrato una serie di “elementi positivi che ci fanno pensare che il 2018-2019 sarà un altro anno di crescita”, ha spiegato l’amministratore delegato Alberto Nagel. “Le iniziative e il consolidamento che abbiamo iniziato hanno ancora una lunga traiettoria da fare”.

Piazzetta Cuccia aumenta la remunerazione degli azionisti per l’esercizio 2017-2018. La proposta del cda è di un dividendo lordo di 0,47 euro azione, in crescita del 27% rispetto alla cedola di 0,37 euro dello scorso anno. Il pay-out sale al 48% dal 43%. La banca ha anche approvato un piano di acquisto azioni proprie per il 3% del capitale. Questa misura, ha detto Nagel, “è particolarmente idonea in un momento in cui è consigliato l’uso di azioni per remunerare i propri dipendenti e concludere partnership nel mondo del risparmio gestito e non solo”.

Mediobanca non rivedrà i target del piano né anticiperà la stesura del nuovo piano industriale, che è prevista per il prossimo anno. “Non è nella nostra prassi rivedere o anticipare i target del piano, anche perché per una banca d’affari non è un esercizio semplice perché la prevedibilità di alcuni ricavi rispetto ad altri è meno certa”, ha sottolineato Nagel. “Continueremo a fare acquisizioni anche quest’anno e a crescere organicamente”.

Confermata la cessione del 3% di Generali, la partecipazione nel gruppo assicurativo è di circa il 13%. “Entro giugno 2019 cederemo il pacchetto” del 3%, ha rimarcato Nagel. La cessione “può essere fatta in molti modi, sul mercato o non sul mercato, con uno scambio di asset, quindi vedremo le opportunità che nel mentre si presentano”. L’obiettivo “è quello di utilizzare il capitale per rafforzare la prospettiva di crescita e il valore di business che abbiamo”. Prioritario per l’ad è il wealth management, ma “non è l’unico campo in cui faremo acquisizioni”. Con il capitale aggiuntivo della componente che deriverebbe da Generali “potremmo fare ancora un salto in più”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background