L’eredità misteriosa dello ‘Hobbit’ indonesiano  

Scritto da il 2 agosto 2018

L'eredità misteriosa dello 'Hobbit' indonesiano

Pubblicato il: 03/08/2018 11:07

Resta avvolta nel mistero l‘eredità genetica dello ‘Hobbit‘, una specie di ominide diffusa nell’isola indonesiana di Flores decine di migliaia di anni fa. Lo scheletro fossile trovato nel 2004 in una grotta sull’isola era stato soprannominato lo “Hobbit” per via delle piccole dimensioni, che ricordano gli amabili personaggi del ‘Signore degli Anelli’ – ufficialmente il suo nome è Homo floresiensis – Ebbene, secondo uno studio pubblicato su ‘Science’, il piccolo ominide non sembra avere un legame genetico con i moderni pigmei che oggi abitano l’isola.

La popolazione pigmea curiosamente vive in un villaggio proprio vicino alla grotta di Liang Bua, dove sono stati trovati i fossili. Un team internazionale di scienziati ha mappato e analizzato il genoma di 32 persone del villaggio, a ‘caccia’ di un legame con l‘Homo floresiensis. L’analisi ha rivelato cambiamenti evolutivi associati alla dieta e alla bassa statura nella popolazione pigmea, ma i ricercatori non hanno trovato tracce di elementi genetici che potrebbero provenire dall’Homo floresiensis.

“Se ci fosse qualche possibilità di riconoscere lo ‘Hobbit’ a partire dai genomi degli esseri umani esistenti” sarebbero state trovate delle tracce precise, “ma non c’è alcuna indicazione di un flusso genetico dallo Hobbit alla popolazione moderna”, ha detto Richard E. Green, associato di ingegneria biomolecolare all’University of California di Santa Cruz e fra gli autori dello studio. Finora, nessuno è stato in grado di recuperare del Dna dai fossili di H. floresiensis. I ricercatori hanno quindi analizzato il genoma pigmeo per evidenziare eventuali sequenze di Dna da un’ignota linea umana antica e sconosciuta.

Green e altri studiosi avevano in precedenza recuperato e mappato il Dna da fossili di altri antichi esseri umani – i Neanderthal e l’Homo di Denisova – scoprendo che il genoma di alcune popolazioni moderne include ancora delle sequenze di Dna ereditate da quelle specie ormai estinte. Questi risultati indicano incroci avvenuti nel lontano passato. Il genoma dei pigmei dell’Isola di Flores include piccole quantità di Dna Neanderthal e dell’Homo di Denisova. Ma non dello Hobbit. Inoltre i ricercatori hanno trovato un’alta frequenza di varianti genetiche associate all’altezza ridotta. La bassa statura nei pigmei di Flores sarebbe dunque il risultato della selezione naturale.

I fossili indicano che l’H. floresiensis era significativamente più piccolo dei pigmei di Flores: circa 106 centimetri contro 145 centimetri. Per ora, dunque, nonostante la genetica, le origini e le ‘relazioni’ dello Hobbit indonesiano restano avvolte nel mistero.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background