Paziente muore, parenti picchiano il medico  

Scritto da il 2 agosto 2018

Paziente muore, parenti picchiano il medico

(Fotogramma)

Pubblicato il: 03/08/2018 15:40

Nuova violenta aggressione ai danni dei camici bianchi. Questa volta l’episodio si è verificato in Calabria, all’ospedale S. Giovanni di Dio di Crotone, dove un medico e due infermieri della Rianimazione sono stati aggrediti dai familiari di un giovane paziente. A quanto apprende l’Adnkronos Salute, a scatenare la violenza del gruppo di parenti nei confronti degli operatori sanitari è stata la notizia del decesso del paziente, giunto all’ospedale di Crotone già in condizioni molto gravi. Il medico sarebbe stato colpito alla testa con una spillatrice e la tastiera del pc, e poi preso a calci. Uno degli infermieri invece sarebbe stato colpito più volte alle braccia e l’altro quasi soffocato con il filo del citofono. Nella violenza i familiari avrebbero danneggiato varie attrezzature del reparto, e le grida sarebbero continuate fino all’arrivo della polizia.

A segnalare la vicenda è l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Crotone, che “seppur consapevole del particolare stato d’animo e del dolore che investono i famigliari nel momento della decesso di un congiunto”, condanna con forza il gesto “grave ed ingiustificabile”.

“Questo ennesimo episodio di violenza, nei confronti di chi si è adoperato al massimo per prestare la migliore assistenza al giovane paziente che versava in particolari e già comunicate condizioni di acclarata criticità, pre-esistenti all’atto del ricovero – scrive il presidente dell’Ordine di Crotone Enrico Ciliberto – si ascrive, purtroppo, nell’ampio fenomeno di aggressioni nel settore sanitario che in Italia, ad oggi, conta circa 3.000 episodi all’anno (casi denunciati), contro i quali è necessario che le forze politiche e sociali, nonché le istituzioni tutte, si facciano direttamente carico del problema, nella difesa dei medici e di tutti gli operatori sanitari, impegnati al servizio della collettività per la tutela della salute dei cittadini, bene garantito dall’Art. 32 della Costituzione”.

L’Ordine valuterà, insieme agli interessati, “le modalità e le azioni da intraprendere”, e annuncia di aver organizzato, congiuntamente all’Asp di Crotone, per martedì 7 agosto alle 9.30, un sit-in a sostegno dei colleghi e degli operatori coinvolti nella vicenda, presso i locali della Biblioteca del Presidio Ospedaliero San Giovanni di Dio.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background