Professioni: Consulenti lavoro, giù le mani dalla legge che ci regolamenta  

Scritto da il 2 agosto 2018

Consulenti del lavoro: Giù le mani dalla legge che ci regolamenta

Marina Calderone, presidente Cno Consulenti del Lavoro

Pubblicato il: 03/08/2018 10:23

“Giù le mani dalla Legge 12/79”. Lo dice in un comunicato il Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro, precisando che “la Legge 12/79 è la norma che regolamenta la professione e l’ordinamento dei Consulenti del Lavoro, sotto la vigilanza del Ministero del Lavoro e d’intesa con il Ministero di Giustizia”.

“Basta leggere l’articolato della legge istitutiva dell’Ordine per scoprire queste due verità. Non si comprende come associazioni sindacali di altre categorie professionali possano candidarsi a partecipare a un percorso di ammodernamento della Legge 12/79, ipotizzando sinanco di contribuire a riscriverla. Detta normativa parte da un presupposto basilare: per potere fregiarsi del titolo di consulente del lavoro è necessario fare il praticantato e sostenere l’apposito esame di Stato”, prosegue la nota.

“Altre scorciatoie non sono previste e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, unico organo abilitato all’interlocuzione istituzionale in materia, vigilerà affinché non ne vengano surrettiziamente introdotte”, conclude la nota.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background