Unicredit, nel semestre utile sale a 2,6 mld  

Scritto da il 6 agosto 2018

Unicredit, nel semestre utile sale a 2,6 mld

Pubblicato il: 07/08/2018 10:23

Unicredit archivia il primo semestre dell’anno con un risultato netto a livello Group Core di 2,6 miliardi di euro, in crescita del 4,2% sul primo semestre 2017 rettificato. Il Rote del gruppo bancario si attesta al 10,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali. Il margine operativo lordo ammonta a 4,7 miliardi (+3,1%) e i ricavi a 10,09 miliardi. A livello consolidato il risultato netto di gruppo è stato di 2,1 miliardi (+4,7% sul primo semestre rettificato) con un Rote dell’8,7%. Le commissioni sono aumentate dell’1,3% a 3,5 miliardi, in particolare per le vendite nette della raccolta gestita e le commissioni da servizi transazionali, mentre il margine di interesse è stabile a 5,3 miliardi. Nel secondo trimestre l’utile netto di gruppo si è attestato a 1 miliardo, in calo del 13,3% su base annua, a causa dell’aumento degli altri oneri e accantonamenti.

“Il team di Unicredit ha conseguito ancora una volta risultati molto solidi nel primo semestre 2018, nonostante un contesto geopolitico e di mercato molto sfidanti. Restiamo fiduciosi nell’economia europea e italiana e nei loro fondamentali forti. Unicredit continua a finanziare l’economia reale in cui opera”, ha commentato Jean Pierre Mustier, amministratore delegato di Unicredit. Le esposizioni deteriorate lorde di gruppo sono diminuite del 19,3% su base annua, con un miglioramento del rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti lordi all’8,7%. Le sofferenze lorde hanno registrato un’ulteriore riduzione a 24,1 miliardi nel secondo trimestre dell’anno, con una flessione del 19,5% su base annua.

Il Cet1 ratio fully loaded di gruppo è sceso di 56 punti base rispetto al trimestre precedente, al 12,51%. Il target del Cet1 ratio fully loaded per la fine del 2018 è stato confermato tra il 12,3% e il 12,6%, “in quanto l’impatto negativo dell’ampliamento del Btp spread è compensato da un parziale slittamento dell’impatto derivante da modelli, prociclicalità e anticipazione delle linee guida dell’Eba al primo trimestre 2019″, si sottolinea dalla banca. Per la fine del 2019, il Cet1 ratio fully loaded è confermato al di sopra del 12,5%, “ipotizzando che gli spread sui Btp rimangano ai livelli attuali”.

Il gruppo ha confermato tutti gli obiettivi del piano industriale previsti per la fine del 2019. E ha raggiunto con un anno di anticipo il target sugli Npe, le esposizioni non performing. “Per il 2019 confermiamo tutti i target”, ha detto Mustier, in conference call con le agenzie di stampa. Sugli Npe “originariamente il nostro target era di 19,2 miliardi per il 2019 e ora quello per il 2018 è di 19 miliardi. Sugli Npe siamo in anticipo di un anno rispetto al piano e il nuovo target per il 2019 è di 14,9 miliardi”, ha spiegato.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background