Vaccini, obbligo solo in caso di emergenze  

Scritto da il 9 agosto 2018

Vaccini, obbligo solo in caso di emergenze

(Fotogramma)

Pubblicato il: 10/08/2018 19:35

Obbligo di vaccinazioni ma solo in caso di emergenze sanitarie. E’ questo il fulcro del Disegno di Legge M5S-Lega in materia di vaccini, presentato in Senato da Stefano Patuanelli (M5S) e Massimiliano Romeo (Lega) che, in 7 articoli, detta le disposizioni sul cosiddetto ‘obbligo flessibile’. All’articolo 5 infatti si dispone il ‘ritorno’ dell’obbligo in caso di emergenze sanitarie e qualora “si rilevino significativi scostamenti dagli obiettivi fissati dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale tali da ingenerare il rischio di compromettere l’immunità di gruppo”. In tali casi scattano i pianti straordinari “che prevedono, ove necessario, l’obbligo di una o più vaccinazioni per determinate coorti di nascita ovvero per gli esercenti le professioni sanitarie”. E “il mancato adempimento degli obblighi” comporterà una sanzione da 100 a 500 euro.

Il Ddl, all’articolo 7, prevede l’abrogazione del decreto-legge Lorenzin del giugno 2017 a partire “dalla data di entrata in vigore del primo Piano nazionale di prevenzione vaccinale”. E proprio al Piano nazionale è dedicato l’articolo 3, in cui si prevede che “una quota del Fondo sanitario nazionale” sia “vincolata all’effettivo perseguimento degli obiettivi previsti dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale”. L’articolo 4 è invece dedicato all’Anagrafe vaccinale nazionale per la cui “completa realizzazione e la gestione evolutiva” si prevede un incremento rispetto a quanto stanziato dalla legge Lorenzin di ulteriori “185.000 per l’anno 2018 e di euro 80.000 annui a decorrere dall’anno 2019”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background