Genova, l’esperto: “Crollo imprevedibile” 

Scritto da il 13 agosto 2018

Genova, l'esperto: Crollo imprevedibile

Pubblicato il: 14/08/2018 15:20

Un crollo imprevedibile, ma legato all’assenza di una programmazione seria di manutenzione di cui l’Italia, da anni, non sa dotarsi. Massimo Mariani, tra i componenti del Consiglio nazionale degli ingegneri (Cni), interviene così, interpellato dall’Adnkronos, sul crollo del Ponte Morandi a Genova, il cui bilancio provvisorio è di 11 morti e cinque feriti gravi.

“A Genova si è verificato il crollo strutturale di un pilone, un’eventualità assolutamente imprevedibile”, su cui la pioggia battente sulla città non ha inciso. “Per capire cosa è successo bisogna ricordarsi che è un ponte degli anni Sessanta che, nel tempo, è stato sottoposto a tante sollecitazioni. Queste strutture ardite, opere importanti di ingegneria, hanno bisogno di un’attenzione continua. Quanto accaduto non è certo dovuto a un difetto di origine, ma a quello che in gergo tecnico si chiama ‘rottura di fatica’”.

E sulla manutenzione l’Italia non fa abbastanza. “L’opera di manutenzione deve essere programmata, deve essere fatta con un piano a lunga scadenza. Forse non paga dal punto di vista politico, ma occorre controllare queste opere: in Italia abbiamo circa 61 mila ponti e questi controlli vanno fatti”, conclude l’esperto in questioni strutturali relative alle opere.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background