Palermo saluta Rita Borsellino  

Scritto da il 16 agosto 2018

Palermo saluta Rita Borsellino

(Fotogramma)

Pubblicato il: 17/08/2018 12:57

Palermo dice addio a Rita Borsellino con un lungo applauso al termine dei funerali. Gremita stamane la chiesa ‘Madonna della Provvidenza-Don Orione’ che ha ospitato la funzione per la sorella del magistrato ucciso nella strage di via D’Amelio, morta il 15 agosto scorso all’età di 73 anni dopo una lunga malattia. Tanta gente comune, ma anche rappresentanti delle istituzioni e del mondo politico sono arrivati per l’ultimo saluto: in molti già alle 11 non sono riusciti più a entrare in chiesa e una folla silenziosa si è radunata all’esterno.

Seduti in prima fila i figli di Rita, Cecilia, Claudio, Marta, poco più in là i nipoti. A darle l’ultimo saluto, tra gli altri, anche il ministro della Giustizia Bonafede, l’ex presidente del Senato Pietro Grasso, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, l’ex presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi e diversi magistrati.

Ad officiare la messa l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice: “Quando mi è giunta la notizia della morte di Rita – ha detto il religioso durante l’omelia – ho provato un sentimento interiore, una sorta di solitudine. E mi sono detto, ‘a Palermo è adesso siamo più soli’. Rita aveva un cuore non avvezzo al compromesso, ha legato la sua storia personale a quella di un popolo, di una città, dell’intera umanità, degli emarginati dai potenti di turno, dei poveri del Signore che giudicheranno la Storia”.

“Ricordo ancora lo sguardo di Rita del 19 luglio – ha proseguito – quando lei stessa ha voluto la benedizione di quella targa che è sotto l’albero di ulivo che parla da sé. Come è capace di parlare un segno. E su quella targa, citando Caponnetto alla fine si legge: ‘A te che sei qui a fare memoria ricorda che sei parte di questa storia e devi continuarla’. Rita in una recente intervista disse che il modo migliore per ricordare Paolo Borsellino è fare memoria, che non significa ricordare un giorno portando corone sul luogo dell’eccidio, ma lavorare tutti i giorni perché quel passato non torni, facendo in modo che la lezione di Paolo e il suo messaggio di rifuggire dalla mafia resti attuale. Rita ha fatto suo il testamento morale di Paolo”.

Accompagnato da un lunghissimo applauso il messaggio che Claudio, figlio di Rita, ha consegnato a tutti coloro che hanno partecipato ai funerali: “Zio Paolo diceva sempre che ognuno di noi deve fare qualcosa, ognuno per quello che può e per quello che sa. Mamma sapeva voler bene e avere rispetto delle persone. Lei ci ha insegnato come si può fare, ognuno quello che può e per quello che sa. Vi chiedo uscendo da qui di prendere lo stesso impegno, ognuno per quello che può e ognuno per quello che sa”.

E un lungo applauso ha saluto anche l’uscita del feretro dalla chiesa: a battere le mani politici, magistrati, esponenti delle istituzioni e autorità militari ma anche tantissimi comuni cittadini e giovani, gli stessi a cui l’ex europarlamentare ha dedicato la vita e i suo sforzi girando in lungo e in largo l’Italia per portare la testimonianza del suo impegno. Rita Borsellino sarà sepolta al cimitero di Santa Maria dei Rotoli, nella cappella di famiglia.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background