Autostrade, revoca avviata  

Scritto da il 17 agosto 2018

Autostrade, revoca avviata

(Fotogramma /Ipa)

Pubblicato il: 18/08/2018 07:35

“Il governo contesta al concessionario che aveva l’obbligo di curare la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’autostrada A10, la grave sciagura che è conseguita al crollo del ponte”. Avviato ufficialmente l’iter di revoca per la concessione ad Autostrade per l’Italia. Ad annunciarlo ieri, prima con un post su Facebook e poi con una nota di Palazzo Chigi, il ministro Toninelli e il premier Conte. Si concretizza così, a quattro giorni dal disastro di ponte Morandi, il primo atto formale per la decadenza degli accordi fra la società e lo Stato. Ora, spiegano ancora, Autostrade avrà 15 giorni di tempo per far pervenire al governo una relazione dettagliata con le proprie controdeduzioni, fermo restando – precisa la nota di Palazzo Chigi – “che il disastro è un fatto oggettivo e inoppugnabile e che l’onere di prevenirlo era in capo al concessionario su cui gravavano gli obblighi di manutenzione e di custodia”.

Ma l’avvio della revoca della concessione non è stata l’unica novità della giornata di ieri: premier e ministro hanno inoltre annunciato l’avvio di una commissione ispettiva del Mit, che si occuperà di tutti gli accertamenti tecnici sul crollo del viadotto. I risultati, promessi entro un mese, serviranno al titolare del dicastero per “valutare le inadempienze di Autostrade per l’Italia”. Novità anche sul fronte delle concessioni: per Conte infatti le modalità del sistema dovranno necessariamente essere riviste dall’esecutivo, vincolando tutti i concessionari a reinvestire buona parte degli utili nell’ammodernamento delle infrastrutture e a rispettare in modo più stringente gli obblighi di manutenzione a loro carico.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background