‘Raid’ dell’orsa Peppina in un pollaio  

Scritto da il 18 agosto 2018

'Raid' dell'orsa Peppina in un pollaio

Immagine d’archivio (Fotogramma)

Pubblicato il: 19/08/2018 21:52

E’ polemica in Abruzzo sul ‘raid’ in un pollaio messo a segno dall’orsa Peppina e dai suoi tre cuccioli la notte scorsa tra Pettorano e Sulmona, in località Case Macilli. I plantigradi sono entrati nella proprietà di un professore in pensione, uccidendo quattro polli e cinque conigli. “Siamo fortemente preoccupati da queste nuove incursioni dell’orsa Peppina che questa volta non è più sola ma con i suoi cuccioli”, ha affermato Donato Ventresca, portavoce del comitato dei cittadini residenti nella zona di Valle larga. Di tutt’altro avviso gli animalisti di Salviamo l’Orso, che replicano: “Chi ha subito il danno non aveva installato il recinto che noi e la Riserva forniamo gratuitamente…….chi ne ha bisogno non deve far altro che chiedercelo”.

Solo ieri la Riserva Monte Genzana dava il “bentornata a casa” all’orsa e ai suoi piccoli. “Da qualche giorno abbiamo accertato la presenza stabile dell’orsa Peppina con i suoi 3 cuccioli al seguito – scriveva su Fb – L’eccezionalità dell’evento, di una femmina con la sua prole nella nostra Riserva, conferma la lungimiranza nella sua istituzione e l’importanza di questo territorio per il futuro della specie. Pur se entusiasti per la circostanza, allo stesso tempo raccomandiamo a tutti i possessori di recinti elettrificati di volerli riattivare nel più breve tempo possibile, confermando la nostra consueta disponibilità nel supporto per qualsiasi eventuale necessità”.

Stessa raccomandazione da Salviamo l’Orso: “La Comunità a misura d’orso, affronta la sua prova più difficile, dal 2014 ad oggi abbiamo lavorato in sintonia e collaborazione con il personale della riserva, il Comune ed i pettoranesi tutti per rendere questo territorio accogliente e privo di pericoli per l’orso diffondendo le buone pratiche che facilitano la convivenza tra questo grande mammifero e le attività umane. È necessario uno sforzo ulteriore e comune affinché tutti i recinti siano efficienti e nessun rifiuto alimentare sia abbandonato nei pressi del centro abitato o delle frazioni. Il benessere e la salvaguardia di questa importantissima famiglia ursina dipendono dai comportamenti che tutti noi saremo capaci di mettere in campo”.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background