Autostrade sotto la lente del governo  

Scritto da il 21 agosto 2018

Autostrade sotto la lente del governo

(Afp)

Pubblicato il: 22/08/2018 07:21

Governo alla ricerca di una soluzione per risolvere il caso Autostrade dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova. Ieri dalle colonne del Corsera il premier Giuseppe Conte ha annunciato di aver pronta una ”contromossa” che però non vuole ‘bruciare’ alla stampa: ”Non la anticipo sui giornali, ma questo governo – ha assicurato il presidente del Consiglio – farà in modo che il concessionario non possa trarre ulteriori vantaggi economici, rispetto a quelli già esorbitanti sin qui ricavati dalla convenzione”.

Mentre ferve il dibattito sulla nazionalizzazione o meno di Autostrade per l’Italia – con tanto di appello all’elettorato del Pd lanciato via social dall’ex parlamentare M5S Alessandro Di Battista – nelle ultime ore sarebbe spuntata l’ipotesi di un intervento della Cassa depositi e prestiti per rilevare una quota di maggioranza dell’azienda controllata da Atlantia. Un’opzione che fonti di palazzo Chigi non confermano: ”Non si è ancora discusso di nulla”. Anche fonti Cdp precisano di non essere al corrente, al momento, di un piano del genere.

Intanto ieri si è tenuto dopo “un minuto di silenzio” per “esprimere cordoglio per le vittime” il consiglio di amministrazione di Autostrade per l’Italia. Nel corso della riunione è stata fatta una ”prima lista di iniziative, per una stima preliminare di 500 milioni di euro, finanziati con mezzi propri” per affrontare le prime emergenze del crollo del ponte Morandi. Tra le iniziative annunciate la costruzione di una nuova struttura in 8 mesi, ”a decorrere dall’ottenimento delle necessarie autorizzazioni” e la sospensione del pagamento del pedaggio autostradale sulla rete genovese, con effetto retroattivo a partire dal 14 agosto e fino alla completa ricostruzione del ponte sul Polcevera.

Il nodo sul tavolo resta comunque quello della revoca o meno della convenzione con lo Stato. Un’ipotesi messa nero su bianco in una nota del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti consegnato ieri ad Autostrade, tramite il quale “il governo contesta al concessionario che aveva l’obbligo di curare la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’autostrada A10, la grave sciagura che è conseguita al crollo del ponte”. Ora Autostrade avrà 15 giorni di tempo per far pervenire all’Esecutivo una relazione dettagliata con le proprie controdeduzioni.


Le opinioni dei lettori

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile agli altri utenti. I campi obbligatori sono contrassegnati con l'asterisco *


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background